Riprotiamo qui il commento (ben fatto) scritto dall’utente “Ultimo dei modicani” su un articolo di radioRTM. Il commento è stato inserito su questa notizia: http://www.radiortm.it/Notizia.asp?Id=8364

“Siamo alle solite. Quando c’è da individuare responsabilità si comincia a lanciare fumo e a fare confusione. Tutto parte nel 2000, gli Ato che non funzionano, la Regione e bla bla bla.
Ma se il giorno del suo insediamento l’amministrazione Torchi ha trovato una percentuale del 6,7% (ovvero su 100kg di spazzatura quasi 7 venivano riciclati e 93 finivano buttati in discarica) e a distanza di quasi sei anni la percentuale è pressochè ferma, se non diminuita (6,17% ad ottobre 2007 – dati forniti dall’ufficio comunale), è lampante che su questo fronte non è stato fatto niente. Non si può non ammetterlo e non può certo bastare l’inutile tentativo di difesa dell’assessore di turno, il quale, peraltro, parla di dati senza citare la fonte, e se questa è l’ufficio del comune, vuol dire che girano due versioni di dati ufficiali, e questo qualcuno dovrebbe spiegarlo.
Purtroppo i cittadini non possono calare la mano nel cassetto del comune per prendere i soldi e far stampare e affiggere in tutta la città manifesti da 6 metri per 3 metri per comunicare la grave inadempienza. Se l’amministrazione Torchi avesse, ogni anno, soltanto raddoppiato i 6 kg di rifiuti che già nel 2002, grazie alla raccolta differenziata, non finivano in discarica, avremmo avuto un risparmio di circa 1 milione e mezzo di € e non avremmo buttato a S. Biagio quasi 27 milioni di kg di rifiuti, ovvero come se avessimo eliminato con una bacchetta magica tutti i rifiuti prodotti dalla città di Modica nel 2007 e nei primi due mesi del 2008. Non un solo centesimo è stato speso per la sensibilizzazione e la comunicazione sulla raccolta differenziata, sul servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti ingombranti, sul l’educazione ad una minore produzione di rifiuti etc etc, mentre migliaia e migliaia di euro vengono spesi per bonificare discariche frutto della mancata informazione ed educazione dei cittadini. Ci sono comuni che in tre anni hanno portato la raccolta differenziata dallo zero a oltre il 60%.
E, invece, adesso, sindaco e amministrazione vogliono cancellare tutto questo, non vogliono che si parli di responsabilità e ci vengono a dire che se non decidiamo subito per la discarica la colpa di ciò che succederà non potrà essere addebitata a loro. E no, troppo tardi e troppo comodo! Se, oltre ai debiti e all’emergenza, a fine febbraio saremo anche costretti a scaricare a Motta S. Anastasia anche l’ultimo dei modicani, capirà di chi è stata la colpa. E tutti i modicani non ci lasceremo calare sul territorio una discarica tirata su in una nottata.”

Letto 7965 volte