Rita Borsellino critica la linea Cuffaro-Inceneritori e chiede l’incremento della raccolta differenziata.Palermo, 10 gennaio 2008. “Invece di paventare situazioni allarmistiche per accelerare l’iter degli inceneritori, il presidente della Regione farebbe bene a lavorare per incrementare la raccolta differenziata dei rifiuti”. Lo dice Rita Borsellino dopo le dichiarazioni di queste ore e l’allarme rifiuti in Campania. “Fin dall’inizio della legislatura come opposizione all’Ars abbiamo denunciato l’assenza di programmazione sul fronte rifiuti da parte del governo regionale e le anomalie dei termovalorizzatori siciliani, la cui gara d’appalto è stata ritenuta illegittima da una sentenza della Corte di giustizia europea (che ha condannato l’Italia all’annullamento della gara, pena il pagamento di una multa salatissima) e, inoltre, così sovrastimati da diventare improduttivi se venisse avviata e realizzata la raccolta differenziata come impongono precise direttive comunitarie”.
“Non a caso – aggiunge Borsellino – la raccolta differenziata sull’isola, secondo gli ultimi dati ufficiali pubblicati è ferma al 6,7 per cento nonostante per la normativa italiana entro il 2003 avrebbe già dovuto essere al 35″. Insomma, secondo Borsellino “invece di guardare alla Campania, Cuffaro dovrebbe guardare a regioni più avanzate come la Lombardia o il Veneto dove la raccolta differenziata funziona e i termovalorizzatori, di piccole dimensioni, servono solo a bruciare la parte residuale dei rifiuti non riciclabili”.

Ufficio Stampa

Gioia Sgarlata

Tel. 334 6311385

www.ritaborsellino.it
e-mail: ufficiostampa@ritaborsellino.it

Letto 4722 volte