Condannato penalmente da un tribunale della Repubblica lo storico Carlo Ruta per il reato di “stampa clandestina”, reo di  aver curato il sito di documentazione storica e sociale “accadeinsicilia”, già oscurato d’autorità.

E’ avvenuto un fatto gravissimo, che potrà avere effetti devastanti per la libertà di espressione sul web in Italia. Carlo Ruta è stato condannato a una pena pecuniaria, per “stampa clandestina”, solo per aver gestito un sito di  documentazione storica e sociale, in sostanza un normalissimo blog, di cui peraltro era stata comprovata, dalla polizia  postale di Catania, cui era stato conferito l’incarico degli accertamenti, la non periodicità regolare.

L’incredibile sentenza penale è stata emessa dal giudice Patricia Di Marco, presso il tribunale di Modica, dietro  denuncia presentata dal magistrato Agostino Fera, noto alle cronache per le censure di cui è stato fatto oggetto da diversi parlamentari della Repubblica, da Giuseppe Di Lello al presidente dell’Antimafia Francesco Forgione, in relazione alla gestione dell’inchiesta giudiziaria sul caso del giornalista Spampinato.

Una sentenza del genere, che reca riscontri soltanto in Cina e in qualche nazione a regime dittatoriale, per le leggi che vigono nel nostro paese è un’assurdità. Costituisce un attacco frontale al mondo del web, alla democrazia, ai diritti  fondamentali sanciti dalla Costituzione. E’ quindi importante che le realtà delle reti, le sedi dell’informazione, le  espressioni del paese civile rispondano con la massima determinazione.

Attacco alla libertà sul web in Italia. Conferenza stampa di Carlo Ruta

Mercoledì 18 giugno alle ore 17,00

CONFERENZA STAMPA DI CARLO RUTA A RAGUSA presso la sede provvisoria del Movimento Grilli Ragusani, via Siracusa 15 piano terra

Gli operatori della comunicazione che intendono essere presenti  possono chiamare al seguente numero: 347.4862409

Letto 10903 volte