“MENO 100 KG”: AL VIA LA SETTIMANA EUROPEA DELLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI, 22-30 NOVEMBRE 2008

Svi.Med. Centro Euro-Mediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile Onlus aderisce ed invita tutti a partecipare alla Settimana europea della riduzione dei rifiuti a partire da sabato 22 novembre 2008.

La settimana europea della riduzione dei rifiuti è promossa in Europa dall’Associazione Città e Regioni per il riciclaggio e l’uso sostenibile delle risorse (www.acrplus.org ). L’Italia si è ufficialmente candidata a partecipare con un gruppo di istituzioni e associazioni già impegnate sul fronte della gestione sostenibile dei rifiuti: Federambiente, Osservatorio Nazionale sui Rifiuti, Coordinamento nazionale Agenda 21 locale, Rifiuti 21 Network, Legambiente.

La produzione dei rifiuti è in continua crescita, i rifiuti aumentano di pari passo allo sviluppo del benessere della società europea. Solo nell’Unione Europea produciamo circa 1.3 miliardi di tonnellate ogni anno.La maggior parte di ciò che buttiamo via viene bruciato negli inceneritori o viene scaricato nelle discariche (67%). Entrambi questi metodi producono danni ambientali. Oltre all’aumento delle discariche, che causano l’improduttività dei terreni dove sono situate, anche l’aria, l’acqua e il suolo sono contaminati dall’inquinamento prodotto da carbonio e metano, sostanze chimiche dannose, pesticidi ecc., con evidenti conseguenze per la salute umana, per gli animali e per le piante.

Ognuno di noi, ogni giorno, può, con comportamenti attenti e spesso molto semplici, prevenire e ridurre la produzione dei rifiuti. Troppo spesso ci nascondiamo dietro l’affermazione che la problematica dei rifiuti non dipende da noi, ma dalla cattiva gestione delle autorità competenti. In realtà i nostri stili di vita possono modificare il trend, condizionando i modelli produttivi e distributivi e devono procedere in parallelo a scelte sostenibili di tutto il territorio.

La raccolta differenziata, che con il riciclo trasforma il rifiuto in risorsa, è indispensabile ma non sufficiente a controllare il problema.

La riduzione alla fonte dei rifiuti rappresenta una pratica importante per alleggerire sensibilmente il carico ambientale rappresentato dai rifiuti.

Prevenire la produzione dei rifiuti è dunque scegliere la via di uno sviluppo sostenibile cercando di:

– a monte, modificare il sistema produttivo perché generi meno rifiuti,

– a valle, ridurne la quantità attraverso il riuso e il riciclo.

Questa iniziativa ha lo scopo di sensibilizzare quante più persone possibili ad attivarsi per manifestare o sperimentare in varie forme il proprio impegno.

Qui di seguito, vi proponiamo un decalogo con qualche semplice azione quotidiana che vi permette di contribuire considerevolmente alla riduzione dei rifiuti:

1. acquistate prodotti sfusi; i contenitori di plastica possono essere riutilizzati per i detersivi alla spina.

2. regalate i giochi e i vestiti dei vostri bambini, piuttosto che buttarli, altri ne possono trarre beneficio.

3. utilizzate pannolini lavabili e riusabili, oltre all’ambiente, anche le vostre tasche ne trarranno beneficio.

4. sostituite le borse di plastica della spesa con borse riutilizzabili; quelli di stoffa per esempio sono più resistenti e anche esteticamente più belli.

5. evitate di utilizzare prodotti usa e getta, rasoi monouso, piatti e stovigliame in plastica, tovaglioli di carta, ecc., meglio prodotti riutilizzabili e riciclabili.

6. per i vostri apparecchi elettronici utilizzate le pile ricaricabili, sono più comode e, a lungo andar,e più economiche.

7. preferite la filiera corta e acquistate frutta e verdura e altri prodotti locali, direttamente dal produttore quando possibile. Eviterete l’inquinamento dovuto ai trasporti, sarete più sicuri della loro genuinità e riuscirete anche a risparmiare qualcosa.

8. state attenti ai vostri acquisti, evitate i prodotti con inutili confezioni, imballaggi, incartamenti, vaschette ecc. Preferite il prodotto fresco.

9. fate il compostaggio domestico; i vostri rifiuti organici possono diventare un buon fertilizzante per il vostro giardino.

10. bevete l’acqua del rubinetto; evitate di sprecare bottiglie di plastica e contribuite a ridurre l’emissioni di CO2 prodotte durante il trasporto.

Questo è il nostro contributo. Noi ci siamo attivati, voi che cosa fate?

Letto 14611 volte