Al Presidente del Consiglio Comunale
Al Sindaco
All’Assessore ai Servizi Sociali
Comune di Modica
E p.c. Agli organi di informazione

Oggetto: Bonus Sociale. Interrogazione urgente.

In data 28/12/2007 il Governo Prodi, con un Decreto Interministeriale, ha introdotto il cosiddetto “bonus sociale”, al fine di sostenere le famiglie in condizioni di disagio economico, garantendo loro un risparmio sulla spesa annua per l’energia elettrica.

Nino Cerruto

Nino Cerruto

Il bonus sociale è uno sconto, oscillante 60 ed i 150 € l’anno, applicato alle bollette dell’energia elettrica, per 12 mesi; al termine di tale periodo il cittadino, per ottenere un nuovo bonus, dovrà rinnovare la richiesta di ammissione. In caso di gravi malattie che richiedano l’utilizzo di apparecchiature  elettromedicali, lo sconto verrà applicato senza interruzioni fino a quando sussiste la necessità di tali apparecchiature.

Il sistema è già operativo dal mese di gennaio 2009, ma il godimento del “bonus” può essere retroattivo per tutto il 2008, se le richieste vengono presentate entro il 31 MARZO 2009.Il Comune è chiamato ad organizzare il servizio di ricezione delle domande ed a verificare
la correttezza dei dati dichiarati dai cittadini.

E’ prevista infatti dalla legge finanziaria 2007 la costituzione di un apposito fondo nazionale a copertura dei maggiori oneri sostenuti dai Comuni per l’espletamento delle procedure complessive, ivi comprese quelle ISEE, utili al riconoscimento del Bonus energia elettrica ai cittadini beneficiari.

E’ stata stipulata una Convenzione tra ANCI e l’Autorità per l’energia elettrica ed il gas (AEEG) al fine di semplificare la procedura di riconoscimento del Bonus attraverso la creazione di una interfaccia informativa (Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe Elettriche, SGATE) tra i Comuni che ricevono le domande dei cittadini e l’insieme dei distributori di energia elettrica. Tale interfaccia permette di erogare tempestivamente il Bonus alle famiglie attraverso una compensazione che sarà riconosciuta direttamente nella bolletta elettrica al massimo entro 60 giorni successivi la data di disponibilità della richiesta per l’impresa di distribuzione.

Tra i 2.782 Comuni già operativi, tra cui Ragusa e Vittoria, non figura, a tutt’oggi, il Comune di Modica. Sembra che il 24/12/2008 sia stato trasmesso al Comune il numero identificativo per utilizzare il portale SGATE, di cui, però, nessuno presso gli uffici comunali ne è a conoscenza.

Con la presente si chiede di conoscere i motivi del mancato inserimento del Comune di Modica tra quelli già operativi e quali iniziative si intendono adottare per consentire una efficiente organizzazione del servizio che consenta, nei tempi dovuti, la trasmissione telematica delle istanze e l’acquisizione, in tempo reale, dell’esito della domanda.

Modica, 10/02/2009

Nino Cerruto
Consigliere Comunale
Una nuova prospettiva

Letto 9755 volte