Indietro Menù

Una Nuova Prospettiva

Il carnevale 2009 di Modica approda su Rai Uno

carnevale_modica_2009Molto interesse ha suscitato nella redazione di Uno Mattina il Carnevale modicano, tanto che sarà dato uno spazio rilevante nella trasmissione di venerdì 20 febbraio, intorno alle 9,30 con l’intervento di Marcella Fragapane, esperta in linguaggi artistici per bambini e consulente a titoto gratuito del Progetto “Nel solco della tradizione”;

Antonio Sichera, consulente alla cultura del Sindaco di Modica Antonello Buscema;

tre studenti impegnati nel progetto in rappresentanza dei tantissimi (si pensa ad almeno duemila persone) che tra giovani, ragazzi, bambini, genitori, insegnanti sono stati coinvolti nell’entusiasmante realizzazione di un Carnevale sul tema di Pinocchio.

Istallazioni (alla Rai sarà portato il modellino della grande balena realizzata come altre istallazioni dal Liceo Arstitico), grandi maschere e vestiti legati ai vari personaggi di Pinocchio saranno i protagonisti di una sfilata e di una successiva festa in piazza realizzata attraverso percorsi didattici, disponibilità volontarie, sponsor che hanno permesso – nella massima sobrietà ma anche con grande coinvolgimento – di far rivivere a Modica un Carnevale diverso, voluto insieme dal Sindaco e dall’Amministrazione ma anzitutto dal basso, da tante famiglie e da tante classi scolastiche che hanno scoperto già nella festa dei morticini e nelle iniziative del Natale il senso di una città che sa far festa con ciò che può nutrire l’anima e non solo distrarre.

Sarà un Carnevale, quello del 2009 a Modica, che vuole contrastare e superare il clima degli anni passati caratterizzato da una vuota e spesso violenta baldoria puntando sulla sana allegria, e non sullo sterile chiasso; sulla poesia, e non sul caricaturale; sulla festa vissuta con semplicità, ma anche creatività e non sulla ripetitiva imitazione di ciò che si fa altrove.

Al cuore di questo Carnevale c’è il senso di una bellezza sgorgata da una corale gratuità, bellezza che si potrà ammirare nell’intreccio tra sfondi (vi sarà in piazza Matteotti un variopinto paese dei balocchi) e tappe della fiaba, come pure nel dono che tanti hanno fatto e faranno del loro tempo e delle loro capacità. La festa continuerà poi martedì 24 con giullarate di strada.

A nome del coordinamento del Progetto “Nel solco della tradizione”

Maurilio Assenza

Letto 11007 volte