euricinoDomenica 05 aprile 2009, ore 10,30 – Erice – Hotel Baia dei Mulini.

La crisi economica, che è globale ed ha perciò colpito anche il territorio della nostra provincia, incita un gruppo (13 soci fondatori) di volontari cittadini, professionisti, commercianti e artigiani a costituire, con sede a Erice, un’Associazione culturale e sociale denomina “Isola Scec l’€URICINO” e ricorrere a delle soluzioni di tutela nei confronti delle attività produttive e delle famiglie di consumatori alternative alle inefficienti prese di posizioni della politica locale in merito a tale materia.
La nostra associazione è affiliata ad ARCIPELAGO SCEC ed è il punto riferimento nel nostro territorio ericino e inter-comunale.
Avviata in altre province siciliane e già esistente nelle realtà comunali di Partanna e Salaparuta, l’iniziativa prevede il coinvolgimento di tutte le attività produttive in tutti i settori merceologici al fine di creare una rete di produzione, distribuzione e consumo locale che permetterà ai cittadini di ottenere un aumento del potere d’acquisto, mentre alle attività produttive di fidelizzare ed accrescere la propria clientela.

Lo SCEC “EURICINO”: abbuono di sconto per risollevare l’economia locale – un progetto di nuova moneta complementare da affiancare all’Euro.
Lo SCEC è una moneta complementare all’Euro o più precisamente lo SCEC è un Buono Locale di Solidarietà (Solidarietà ChE Cammina) con funzione di moneta.
Complementare significa che si utilizza congiuntamente agli Euro, in una percentuale di prezzo variabile dal 10 al 30% in media.
È uno strumento che ha un rapporto di parità con l’euro (1:1), non è convertibile in euro e viene distribuito gratuitamente.

Può essere riutilizzato dal commerciante all’interno delle imprese, professionisti, produttori ecc. che aderiscono al circuito in tutta Italia. Fiscalmente è assimilabile ad un abbuono e come tale non concorre alla determinazione della base imponibile.
Il Buono Locale essendo distribuito gratuitamente non crea debito come accade per la creazione monetaria cartacea ed elettronica.
Ancora al territorio tutto l’importo (anche quello pagato in euro) e circolando nel circuito locale consente di aumentare e reinvestire questa ricchezza nel territorio.
La moneta euro, al contrario, è immessa nel circuito economico solo a fronte di un indebitamento dello Stato (cioè dei cittadini presi in collettività) e dei privati ( cioè dei cittadini presi singolarmente).
I Buoni Locali di Solidarietà nascono dall’esperienza e dallo studio di altre precedenti positive esperienze nella storia e nel mondo (sono circa 6.000 gli esempi di monete complementari presenti in tutto il mondo, compreso il circuito WIR svizzero e il Regio tedesco).

Questo progetto è già praticato quotidianamente in molte città italiane e attualmente ci sono in circolazione 500.000 SCEC per un giro di affari complessivo in espansione costante di oltre 2,5 milioni di euro legalmente “girato” in prodotti e servizi prodotti localmente.
Dove è stato adottato lo SCEC come moneta complementare, similmente ad ogni analoga esperienza estera o ad ogni esperienza storica precedente, le cose stanno andando meglio fin dalla prima ora. Quanto più la base di utilizzatori sarà ampia (ed anche per questo invitiamo chiunque a partecipare entrando a far parte degli aderenti al progetto), tanto più potremo vivere una nuova economia – legata ai territori ed aiutata, appunto, attraverso una moneta di proprietà dei cittadini.
Attraverso l’iscrizione all’Associazione “Isola Scec l’€URICINO”, i cittadini riceveranno gratuitamente 100 Buoni con periodicità varia di diverso taglio del valore complessivo di 100 euro, tali Buoni, chiamati SCEC, potranno essere utilizzati per pagare beni e servizi presso tutte le attività aderenti che sono negozi commerciali, artigiani e liberi professionisti.
In questo modo, il cittadino risparmierà 100 euro che utilizzerà per altre spese di gestione familiare, mentre le attività aderenti potranno mantenere o incrementare il loro volume d’affari.
Inoltre si crea un circuito locale che, con la prossima e possibile futura apertura di centri commerciali urbani, riuscirà a difendere le piccole attività. La lista degli aderenti dove poter usare i Buoni è sempre consultabile sul sito http://scecservice.org oppure aggiornata ed inviata per posta agli iscritti.
L’iscrizione è gratuita sia per i cittadini che per le attività.
E’ perciò con grande piacere che La invitiamo alla presentazione ufficiale del “PROGETTO SCEC EURICINO – MONETA LOCALE … ECONOMIA POSSIBILE” , domenica 05 aprile alle ore 10,30 a Erice presso l’Hotel Baia dei Mulini nel Lungomare D. Alighieri, con la partecipazione di rappresentanti le associazioni di categoria, amministratori locali e l’esclusiva partecipazione del Presidente Nazionale di ArcipelagoSCEC, Pierluigi Paoletti e del Segretario Nazionale, Gianfranco Florio.
E’ confermata anche la presenza di Rita Borsellino, in qualità di presidente dell’Associazione nazionale “Un’Altra Storia” che ha aderito alle finalità del Progetto.
Per informazioni è possibile consultare il sito www.arcipelagoscec.org, o inviare una e-mail a euricino@alice.it.

Erice, lì 26/03/2009
Gian Rosario Simonte
(Presidente Associazione)

Letto 10184 volte