Nino Cerruto

Nino Cerruto

Con il 1° Giugno c.a. il problema della crisi idrica al quartiere S. Cuore sarà in buona parte risolto. E’ quanto ha dichiarato l’Assessore ai LL.PP ing. Giorgio Cerruto in risposta ad una mia interrogazione (riportata in allegato), nella seduta del consiglio comunale del 27 Aprile u.s.
Sembra che il comune abbia individuato alcuni pozzi di privati che verranno affittati per immettere l’acqua nella nuova rete idrica, che in questi giorni sta per essere completata con la realizzazione degli allacci, e nel serbatoio di Via Rocciola Scrofani in fase di ristrutturazione.
Il tutto nell’attesa che vengano realizzati i pozzi già autorizzati dal Genio Civile nel 2005, per i quali vi erano le risorse finanziarie che sono state irresponsabilmente utilizzate dalla precedente amministrazione per illuminare alcune contrade.
Non è la prima volta che l’Assessore Cerruto assume impegni su questo gravissimo problema che sta sempre più esasperando i cittadini e che potrebbe portare ad una vera e propria sollevazione popolare, qualora, in tempi brevi, non si danno risposte esaurienti. Già il 1° Ottobre 2008 in un incontro con i residenti presso i locali della Parrocchia del S. Cuore era stato promesso che entro 6 mesi, con un progetto finanza, sarebbero stati realizzati i pozzi e la relativa conduttura di adduzione. Invece a tutt’oggi non sono stati apposti neanchi i vincoli per tutelarli; anzi qualcuno è già stato compromesso perchè nel farttempo in quella zona sono state rilasciate delle concessioni edilizie. Come anche sono state rilasciate concessioni in zone in cui vi è già in atto una grave crisi idrica, aggravando ulteriormente il disagio per i residenti e per i nuovi insediamenti.
Ribadisco la ferma e convinta proposta di bloccare tutte le licenze che ricadono in zone in cui si registra una inadeguata ed insufficiente erogazione dell’acqua.
Sollecito l’Assessore a mettere in campo tutti i mezzi a sua disposizione per dare priorità assoluta alla soluzione di questo problema, anche perchè l’approssimarsi del periodo estivo e la sospensione del servizio di rifornimento mediante autobotti, qualora non dovesse venire rinnovato il contratto di prossima scadenza, farà ancora una volta esplodere in tutta la sua drammaticità questa vera e propria emergenza.
Come movimento seguiremo, insieme ai cittadini, gli atti che, si auspica, quotidianamente verranno posti in essere per fornire adeguate risposte e inviteremo l’Assessore a trarre le dovute conclusioni qualora, ancora una volta, non dovessero essere rispettati gli impegni presi.

Modica, 28/04/2009
sia-lacqua
Nino Cerruto
Consigliere Comunale
Una Nuova Prospettiva

Letto 8804 volte