Indietro Menù

Una Nuova Prospettiva

Lavori alla chiesa di S. Giovanni a Modica alta: Nino Cerruto propone ordine del giorno al consiglio comunale
Chiesa di San Giovanni a Modica Alta

Chiesa di San Giovanni a Modica Alta

Oggetto: Proposta di ordine del giorno
Il sottoscritto Cerruto Antonino, consigliere comunale di Una Nuova Prospettiva, chiede alla SV di voler sottoporre al Consiglio Comunale il seguente ordine del giorno affinché possa essere discusso ed approvato.
La Chiesa di San Giovanni a Modica Alta è stata chiusa ai fedeli nel 2003 per interventi di restauro e consolidamento. I lavori si sarebbero dovuti completare entro il 18 maggio 2005, ma ad oggi sono stati consegnati soltanto quelli relativi al primo stralcio, mentre recentemente la Diocesi di Noto ha effettuato interventi, sulla facciata anteriore esterna.
Da quasi due anni ormai i lavori, a cura del Dipartimento della Protezione Civile, sono bloccati. Durante questi lunghi sei anni molti anziani, nati e vissuti in quel quartiere, sono morti ed è risultato vano il loro desiderio di celebrare il proprio funerale in questa Chiesa; molti giovani si sono sposati fuori dalla propria Parrocchia; molte coppie hanno dovuto battezzare i propri bambini in altre Chiese; centinaia di turisti, che avrebbero voluto visitare questo splendido monumento ricco di tradizione, storia ed arte, sono rimasti delusi per via della porta perennemente chiusa.
Già nel Dicembre 2007 il Consiglio Comunale di Modica aveva votato una mozione perché gli organi politici ed istituzionali si adoperassero ai vari livelli per fare in modo di poter riaprire la Chiesa.
A marzo 2008, in occasione di un seminario di studio sulla Chiesa di San Giovanni tenutosi presso il Liceo Scientifico “G. Galilei” a Modica, presente l’allora Vescovo di Noto, S.E. Mons. Mariano Crociata, il dirigente della Protezione Civile, ing. Chiarina Corallo, aveva dichiarato che entro il mese di Dicembre del 2008 la Chiesa sarebbe stata riaperta al culto.
Siamo invece ormai a metà anno del 2009 e dobbiamo, con amarezza, registrare che non sono stati nemmeno appaltati i lavori per il recupero delle sculture in pietra, stucchi, affreschi, dipinti e di tutto l’interno in generale, ivi comprese le due Cappelle laterali, la canonica e la sagrestia, gravemente danneggiate dalle infiltrazioni d’acqua provocate da una non adeguata copertura del tetto durante i lavori di rifacimento dello stesso.
Il Consiglio Comunale invita pertanto la Deputazione Regionale e l’Amministrazione Comunale ad intervenire presso gli organi regionali della Protezione Civile perché venga firmato il relativo Decreto di finanziamento e vengano al più presto appaltati i lavori in modo da restituire alla comunità civile ed ecclesiale questo luogo di culto, simbolo di fecondità spirituale ed artistica.
Modica, 02/05/2009
Nino Cerruto
Consigliere Comunale
Una nuova prospettiva

Letto 6993 volte