L’osservatorio sulle vittime dell’immigrazione FORTRESS EUROPE http://fortresseurope.blogspot.com

presenta

UN MESE AL CONFINE

LA NEWSLETTER DI MAGGIO 2009

SPECIALE

E adesso cosa accadrà ai 227 respinti a Tripoli?
Né a Malta, né a Lampedusa. Sono stati riportati in Libia i 227 emigranti e rifugiati – tra cui 40 donne – soccorsi a circa 35 miglia a sud est di Lampedusa. Maroni parla di “un risultato storico”. A noi rabbrividisce la pelle. Nel 2005 il Parlamento europeo le definiva “deportazioni collettive”. Oggi sono la regola d’ingaggio dei pattugliamenti di Frontex
REPORTAGE

In Egitto sulla via della diaspora eritrea verso Israele
Alla morte in mare e alle carceri libiche, sempre più eritrei preferiscono lo Stato Ebraico. Durissima la repressione voluta dal Cairo. Migliaia di arresti, decine di omicidi e centinaia di deportazioni. Testimonianza esclusiva di un rimpatriato evaso dal campo di Weea

BOLLETTINO

Aprile 2009

Almeno nove morti lungo le frontiere europee. Aumentano le vittime del Canale di Sicilia: già 339 nei primi quattro mesi dell’anno, quando erano state 642 in tutto il 2008. Due morti anche in Spagna e uno in Francia, nel tunnel della Manica

MEDITERRANEO

L’odissea di 72 indiani, bloccati dal 2006 alle porte d’Europa
Tredici mesi accampati in un bosco per evitare il rimpatrio. E più di 8.000 firme per chiedere al governo spagnolo di accoglierli. Il gruppo è bloccato a Ceuta dal novembre 2006, dopo aver attraversato Burkina, Mali, Algeria e Marocco. Firma la petizione

INCHIESTE

Torturati in Tunisia, l’Italia nega l’asilo agli esuli di Redeyef

Hanno chiesto asilo politico ma l’Italia ha detto di no. E adesso rischiano di essere rimpatriati e arrestati per reati politici. Sono una trentina di esuli tunisini originari della città di Redeyef, al centro delle proteste sindacali represse dal regime nel 2008

Io, minorenne afgano respinto in Grecia tre volte

Lo denunciava il Corriere della Sera. Maroni smentì la notizia, invitando Stella a fare “le necessarie verifiche”. Le abbiamo fatte noi per lui. E abbiamo scoperto che il respingimento dei minori afgani dai porti italiani è una prassi. La storia di Jumaa K.

Picchiati dalla polizia. Parlano i detenuti di Lampedusa

Manganellati dalla polizia, “senza pietà”. Ferite alla testa, fratture alla mano e contusioni alle gambe. Per la prima volta, parlano i 700 detenuti del Centro di identificazione e espulsione (Cie) di Lampedusa, dal 26 aprile tornati in libertà

Pattuglie, Rabit e voli charter. I piani di Frontex per il 2009

Un sistema permanente di pattugliamenti congiunti delle frontiere esterne dell’Unione europea. Marittime, aeroportuali e terrestri. I piani per il 2009 di Frontex

VIDEO

La terra(e)strema. Documentario sul bracciantato in Sicilia
Le patate di Cassibile, le fragole di Avola e l’uva di Alcamo. Viaggio nelle campagne siciliane per raccontare il lavoro dei braccianti stranieri in un’agricoltura già in crisi. On line l’anteprima del nuovo lavoro di Montalbano, Giardina e Sposito

IN PARLAMENTO

Lampedusa: interrogazione parlamentare sui pestaggi nel Cie

Il Parlamento italiano chiede spiegazioni sui pestaggi al centro di identificazione e espulsione (Cie) di Lampedusa. L’interrogazione a risposta scritta è stata presentata il 27 aprile 2009, dalla deputata Rita Bernardini

DIRITTO

Patrasso: la Corte europea dichiara ammissibili 35 ricorsi

I governi di Italia e Grecia saranno processati per aver violato i diritti fondamentali di 35 richiedenti asilo afghani e sudanesi, tra cui molti minorenni, respinti senza nessuna formalità dai porti italiani dell’Adriatico

PER COLPA DI CHI?

Suicidio al Cie di Roma. Si toglie la vita una donna tunisina

Viveva in Italia da più di 20 anni e aveva un lavoro come vivaista. Fermata dalla polizia mentre chiedeva il rinnovo del permesso di soggiorno. Doveva essere rimpatriata quella stessa mattina

MEMORIA

Somalia – Italia: quelle storie parallele di emigrazione

Somali ed eritrei studiano in una scuola di italiano a Roma la storia dell’emigrazione italiana e scoprono sorprendenti analogie. Poi, con disegni e poesie ricordano i caduti del Mediterraneo

Letto 6845 volte