Comunicato Stampa del Gruppo consiliare Bellaciao-Rifondazione di Vittoria (RG)

NON INSABBIARE MA AGIRE

TRENTAMILA MANIFESTI ELETTORALI ABUSIVI ACCERTATI A VITTORIA PER LE ELEZIONI REGIONALI E NAZIONALI DEL 2008!!

Il Sindaco Nicosia intervenga subito e recuperi ogni somma spesa.

Sei mesi fa una mia specifica interrogazione consiliare sui manifesti selvaggi elettorali delle ultime elezioni regionali e nazionali riceveva dal Sindaco Nicosia una risposta sufficientemente credibile ed articolata. Le parole ora però devono essere seguite dai fatti e non è cosa buona tergiversare e rischiare, ancora una volta, di far calare l’attenzione attorno a questo argomento.
Il Sindaco in Consiglio Comunale ha affermato che l’Ufficio Affissioni e la Polizia Municipale hanno accertato con mezzi video-fotografici, nel solo territorio di Vittoria, circa trentamila manifesti elettorali abusivi.
Le somme spese dal Comune di Vittoria per censire, rimuovere o oscurare i manifesti sono notevoli: i danni sono stati notevoli e si parla complessivamente di circa centomila euro.
C’è un candidato locale che addirittura ha commesso, nella sola Vittoria, oltre dieci mila infrazioni!! Chissà di quanta potenza economica poteva disporre…


Chi ha danneggiato e stuprato muri, cose, cabine telefoniche, cassonetti e persino segnali stradali e chi ha oltraggiato anche i centri storici, le Chiese e i Cimiteri va individuato e segnalato alle Autorità Competenti. E le spese sostenute dal Comune devono essere recuperate.
Attorno alle varie tornate elettorali si costruisce, nell’area ipparina e iblea, un rilevante giro economico illegale supportato da diversi politici candidati o da loro presta-nomi. Gravissimo è il fenomeno delle squadre mercenarie di attacchinaggio costituite spesso da personaggi discutibili e vicini alla criminalità. Altrettanto grave è la produzione incontrollata al nero di tonnellate di manifesti elettorali che poi ci troviamo appiccicati in modo indecoroso e barbaro sui muri delle Città.
Occorre bloccare questo scempio di illegalità e di degrado che ormai si ripete impunemente da anni. Le elezioni Europee lo stanno dimostrando: nonostante il numero dei partiti e dei candidati sia ridotto i manifesti abusivi, seppure in misura meno dirompente, sono ancora presenti e deturpano le Città.
La risposta all’interrogazione consiliare da sola non basta: il Sindaco Nicosia faccia seguire alle parole i fatti e si faccia carico della questione.
Il recente scandaloso “Decreto Mille Proroghe” convertito in legge dal governo Berlusconi salva con una una ridicola multa chi ha infranto le regole ma non impedisce ai Sindaci di chiedere i danni subiti o di recuperare le somme spese. Il Decreto Mille Proroghe non puo’ bloccare l’azione dei Sindaci che hanno il dovere di difendere il bene comune rifiutando ogni tentativo indecente formale e informale di insabbiamento.
Quello dei Sindaci dovrebbe essere un atto dovuto, necessario per prevenire e combattere un fenomeno gravissimo che va avanti, indisturbato anche grazie al coinvolgimento inaccettabile di diversi uomini politici.

Vittoria, 30-05-09

Peppe Cannella, consigliere comunale di Bellaciao-Rifondazione

Letto 17498 volte