Vito D'AntonaL’approvazione da parte della Giunta Comunale della deliberazione n. 199 del 29.7.2009, con la quale si fa richiesta all’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente di integrare il Piano Regionale dei parchi e delle riserve, con l’inserimento del sito denominato “Cava Gisana”, rappresenta un passo importante nella procedura finalizzata al riconoscimento di parco della zona di Cava Gisana.

Già nel 2004, il Consiglio Comunale di Modica, ebbe ad occuparsi del sito, quando a fronte di richieste di insediamenti produttivi, la cui realizzazione, per le caratteristiche degli stessi, ne avrebbe sicuramente compromesso irrimediabilmente l’ecosistema presente nella zona, approvò unanimemente un ordine del giorno finalizzato alla tutela e alla salvaguardia della cava e del territorio circostante.

Inoltre, il Consiglio Comunale, sempre a salvaguardia della cava, ebbe ad esaminare e condividere un primo specifico studio preliminare per la creazione di un parco naturale, elaborato dalla dott,ssa Gambuzza e dal dott. Favaccio

Successivamente, l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali, con un apposito decreto del 2006, su proposta della Soprintendenza ai Beni Culturali di Ragusa, appose nella zona il vincolo a tutela degli insediamenti rupestri, ritenuti di grande valore archeologico.

Va dato atto della tenacia e delle innumerevoli iniziative dell’Associazione Pro Sviluppo Marina di Modica e del suo Presidente, sig. Angelo Iabichino, che in tutti questi anni ha tenuto alta l’attenzione sui possibili rischi del sito, ma ha anche consentito, in particolare con le annuali escursioni, a far sì che migliaia di cittadini conoscessero le peculiarità della cava.

Nell’esprimere la giusta soddisfazione per la decisione assunta dalla Giunta, la quale con l’adozione della delibera ha avviato formalmente la procedura per il riconoscimento di parco della Cava, riteniamo doveroso che l’iter venga costantemente seguito dal Sindaco e dagli amministratori, affinchè possa ottenersi in tempi brevi l’esito positivo auspicato.

Cogliamo l’occasione, infine, anche alla luce dell’avvio della richiesta di riconoscimento di parco, effettuato dalla Giunta a dicembre per i siti “Cava dei Servi – Valle del Tellesimo” e “Conca del Salto”, per proporre all’Amministrazione di verificare se può essere impostato organicamente un progetto di salvaguardia, di valorizzazione e di fruizione a fini turistici delle innumerevoli cave, delle quali è ricco il territorio di Modica, progetto la cui realizzazione potrebbe formare oggetto di una linea di finanziamento prevista da bandi regionali di prossima emanazione a valere sui fondi europei.

In questa direzione, appaiono opportune e interessanti le proposte che provengono da tecnici e da semplici cittadini rivolte ad esaltare le peculiarità del nostro territorio e, mediante la giusta valorizzazione scientifica, in questo caso delle cave, la formulazione di un percorso guidato, con finalità didattiche e turistiche.

Modica, 14.8.2009
Vito D’Antona

Letto 11258 volte