Cittadinanzattivamodica ha formalizzato presso la procura di modica un esposto denuncia tendente ad accertare le cause e le eventuali responsabilità che nella mattinata di oggi hanno determinato uno sversamento di non meglio identificati liquidi sulla spiaggia di Sampieri, da uno scarico/troppopieno, valvola di sfogo (non sapremmo come definirlo) situato a metà lungomare.

Pare che la cosa si verifichi da qualche anno, senza che si sia mai pervenuti ad un intervento risolutivo del problema.

Secondo analisi visive ed olfattive effettuate da diversi bagnanti sembrerebbe trattarsi di liquami; la eventuale conferma, sarà possibile solo da analisi di laboratorio, i cui risultati non sono ancora noti.

Nel rinviare ad altra sede e momento l’approfondimento di tale argomento, riteniamo necessario esternare lo stupore e lo sconcerto che è derivato dalla constatazione della assoluta mancanza di coordinamento tra i vari organi ed all’interno degli stessi.

In diversi abbiamo provato a chiamare numeri a cui non si rispondeva; centralinisti che confessavano di essere soli, laboratori vari irraggiungibili a causa di telefoni guasti da tempo ecc., ecc.: la solita solfa.

Abbiamo faticato non poco per fare esporre la bandiera nera e non rossa ai vari punti di soccorso e ad avvertire con megafoni i bagnanti (bambini in primis) ad uscire dall’acqua, rinviando ad altri momenti le discussioni anche accese che si sono scatenate.

Il responsabile della protezione civile, contattato grazie al cellulare di cui eravamo in possesso a titolo personale, ha affermato, tra le altre cose, che la struttura è priva di barche, solventi, prodotti igienizzanti e quant’altro necessario per fronteggiare con immediatezza situazioni come quella verificatasi stamane.

“Comunque, qualsiasi pericolo sembra essere stato scongiurato dal momento che la chiazza è stata vista allontanarsi al largo” , sempre che il pericolo dovesse risultare dagli esami di laboratorio, n.d.r..

Cittadinanzattivamodica ha rinnovato ai vertici sanitari dell’Azienda USL la esigenza di conoscere l’esatta condizione delle acque adibite a balneazione.

Il Coordinatore dell’Assemblea Territoriale

Dott. Salvatore Rustico

Letto 7393 volte