in ritardo, pubblichiamo.

Verso le ore tre del 3 settembre 1860, nove persone, già dedite a reati contro il patrimonio, assaltano la masseria Vicari in contrada Zappulla consumando un furto con scasso e violenza anche attraverso una fucilata senza ferimento a nessuna delle quattro persone ivi presenti.
Con la testimonianza fondamentale di un ex milite “deviato” della Guardia Nazionale di Modica, il ‘governo’ modicano, espressione locale della dittatura Garibaldina, in 21 giorni arresta, processa, giudica, condanna i malcapitati ed esegue la condanna superando le stesse pur rigide direttive del Dittatore.

Aucisu come ê novi

Dal mistero di un’ingiustizia, una lezione

Cimitero Modica Alta – Oratorio Don Bosco Giovedì 8 ottobre 2009 ore 18,00 Cimitero di Modica Alta
scopertura della lapide Ore 18,30 Oratorio Don Bosco Ricostruzione storico-giuridica dell’episodio.
Relatori
Dott. Giuseppe Chiaula
Don Antonio Sparacino
Il sindaco Antonello Buscema
Aucisu come ê novi Dal

Letto 8853 volte