Riportiamo, di seguito, una dichiarazione del senatore del PD Roberto Della Seta.

SALVA-INFRAZIONI: DELLA SETA, “MAGGIORANZA RENDE OBBLIGATORIA GESTIONE PRIVATA ACQUA”

Logo_Campagna__Salva_l_Acqua_Oggi in Senato con il voto del Pdl e della Lega viene resa obbligatoria la gestione dell’acqua: una scelta che va contro l’interesse dei cittadini e che non è dettata, come falsamente sostengono governo e maggioranza, da norme europee. Una scelta tanto più grave nel caso del partito di Bossi e Calderoli, che in Padania coi suoi sindaci si batte per l’acqua bene pubblico e a Roma prende decisioni ultraliberiste.”. Lo dice il senatore Roberto Della Seta, capogruppo del Pd nella commissione Ambiente, in merito all’approvazione in senato del decreto ‘salva-infrazioni’ che contiene norme sui servizi pubblici locali.
“L’approvazione di un emendamento del Pd a firma Bubbico – prosegue Della Seta –  mette dei paletti alla privatizzazione, garantendo il rispetto della proprietà pubblica dell’acqua, come stabiliscono i principi comunitari. Nonostante questo, tuttavia, le norme approvate oggi dal Senato sono molto gravi.
L’acqua è un bene comune – prosegue Roberto Della Seta –  non è una merce e in base alla Costituzione la titolarità della sua gestione è in capo alle Regioni e agli enti locali. Prevedere non la possibilità, ma l’obbligo entro 1 anno, di affidare a privati la gestione dei servizi pubblici vuol dire espropriare Regioni e Comuni del diritto-dovere di amministrare l’uso dell’acqua nell’interesse delle persone e delle comunità, e apre la strada a un monopolio privato dell’acqua nelle mani di 3 o 4 multinazionali”.

Roberto Della Seta
Roma, 4 novembre 2009

Approfondimenti su:

http://www.acquabenecomune.org/

Letto 12093 volte