L’Associazione di volontariato “Cittavivagaia”, nata con lo scopo di valorizzare e salvaguardare il patrimonio ambientale della città di Modica e restituire alla cittadinanza gli spazi verdi dimenticati, manifesta pieno sostegno all’iniziativa del comune sulla chiusura del corso Umberto tutte le domeniche mattina. Finalmente si realizza un’idea già da tempo proposta da diversi cittadini, ma che non ha mai avuto piena realizzazione perchè si è sempre dato più peso ad altre iniziative più remunerative dal punto di vista economico-politico, non badando assolutamente al benessere diretto dei cittadini sia in termini ambientali che psicologici. L’isola pedonale rappresenta finalmente il primo passo per rendere la nostra città più vivibile, senza sottoporre i cittadini al continuo stress derivato dall’enorme ed ingiustificabile traffico veicolare che, quotidianamente, transita dal centro storico.

Diverse città d’Europa e d’Italia hanno già sperimentato da anni questa soluzione con grande successo per la salute delle persone e anche per le tasche dei commercianti che hanno beneficiato della maggiore fruibilità da parte dei visitatori degli spazi turistici.

Modica, per la singolare conformazione del centro storico incastonato letteralmente in una “cava”, soffre di un accumulo di polveri sottili paragonabile a città ben più grandi e questo compromette non solo il benessere psicofisico dei cittadini ma anche il delicato patrimonio architettonico che, negli ultimi tempi, si sta letteralmente sbriciolando sotto gli inesorabili colpi dello smog.

Si nota altresì, con sconforto, l’ostruzionismo miope di alcuni operatori commerciali che si oppongono a questa iniziativa con argomentazioni deboli, e inoltre si ritiene che la nostra salute abbia una valenza prioritaria rispetto a qualsiasi tipo di affare economico. Al contrario, il riappropriarsi del corso Umberto da parte dei pedoni, può incentivare anche gli acquisti da parte dei modicani, che potranno riscoprire il piacere sopito di camminare a piedi e dei visitatori, che avranno molto più tempo da dedicare alla contemplazione dei monumenti e magari delle vetrine commerciali.

Naturalmente ci si rende conto che bisogna affiancare a questa iniziativa delle misure organizzative strutturate come per esempio un’efficace servizio di bus navetta. Il comune d’altro canto ha in organico le risorse organizzative per risolvere questi problemi connessi all’iniziativa e merita fiducia e pieno sostegno.

Si è consapevoli che, come tutte le idee che operano una rottura culturale, ci vorrà del tempo prima di vedere risultati tangibili, ma sul medio/lungo periodo i benefici saranno sicuramente condivisi da tutti.

Cittavivagaia desidera che tutti i cittadini si riapproprino degli spazi comuni, del diritto alla salute ed alla bellezza che non sono valori negoziabili, e per questo motivo è impegnata nella riapertura e nella manutenzione di giardini e spazi verdi da tempo chiusi e dimenticati. Questa scelta dell’amministrazione è dunque un primo passo che speriamo diventi un lungo cammino verso la città che desideriamo.

Associazione Cittàvivagaia

Via Occhipinti, 49 – 97015 – MODICA (RG)

Letto 17514 volte