Comune di Modica, Caritas diocesana, parrocchie di Modica centro e casa don Puglisi propongono a tutta la città, ma in particolare a Scuole, Istituzioni, Parrocchie e operatori dell’ informazione, un patto educativo per il cantiere “crisci ranni” alla Fontana-area attrezzata padre Basile.

Come vi è noto abbiamo avviato dallo scorso mese di maggio alla Fontana – convergendo insieme il Comune di Modica, la Caritas diocesana, le parrocchie di Modica centro, la Casa don Puglisi – il cantiere educativo “Crisci ranni”. Già nella mappatura dei bisogni, abbiamo rilevato problemi trasversali che interessano scuole-famiglie–parrocchie e che possono diventare oggetto di riflessione per tutti. Attraverso le prima attività, poi, abbiamo potuto sperimentare la positività di un’aggregazione capace di offrire un’alternativa educativa all’abbandono sulla strada, che in genere coincide anche con difficoltà scolastiche e con disagi sociali e familiari. Per questo vorremmo stringere un Patto educativo tra Scuole, Parrocchie, Istituzioni, inteso sia come impegno ideale sia come concreta collaborazione a favore della crescita delle nuove generazioni, in cui ci sembra rilevante il ruolo anche dei mezzi di comunicazione sociale.

Per questo vi invitiamo mercoledì 15 settembre alle 18 alla Fontana non solo ad una conferenza stampa che precederà la firma del Patto*, ma anche ad una vostra adesione al Patto.

Tale adesione potrà poi concretizzarli sia nell’informazione sulle attività e sul loro significato – istituendo forme di raccordo – ma anche in momenti di riflessione sul rapporto tra informazione, educazione e città, da pensare insieme. Alla firma del Patto educativo interverrà il Vescovo di Noto, Mons. Antonio Staglianò, che subito dopo presiederà la celebrazione dell’eucaristia nel ricordo del martirio di don Pino Puglisi, esemplare figura di educatore e di testimone della legalità.

Confidando in un positivo riscontro, fin d’ora salutiamo cordialmente

Modica, 7 settembre 2010

Per gli enti proponenti
Maurilio Assenza
Direttore della Caritas diocesana

Di seguito la bozza del Patto

Patto educativo
“Crisci ranni”

Siamo chiamati a scoprire i germi di bene che sono nel mondo,
svilupparli in noi e negli altri, e farli fruttificare,
mettendo ovunque speranza.
In questo contesto la gioia è possibile, non è un’alienazione,
anzi è come un forte impulso messo dentro di noi
e ci dà la forza per andare avanti con speranza,
per portare qualcosa di nuovo nel mondo nel quale viviamo.

(don Pino Puglisi)

Con il presente Patto a sostegno del Progetto “Crisci ranni”
Il Comune di Modica, la Diocesi di Noto (attraverso la Caritas diocesana, le parrocchie, la Casa don Puglisi), le Scuole,
le Famiglie, i giornali e le emittenti che lo sottoscrivono
vogliamo costruire e sostenere un segno educativo collocato sulla “strada”, esemplificativo del rapporto tra enti educativi e città.

Ci stanno a cuore le nuove generazioni: vogliamo aiutarle a crescere, a diventare capaci di affrontare «a testa alta» le difficoltà della vita e il confronto con le ingiustizie e, soprattutto, capaci di «mirare in alto».

Ci sta a cuore la nostra città: vorremmo sperimentarne il senso e l’anima in uno dei quartieri più antichi, vorremmo per essa la misura dello sguardo dei genitori che hanno cura dei propri figli, dello sguardo attento agli altri, dello sguardo memore delle grandi tradizioni del passato, vigile sui problemi del presente, fiducioso e responsabile per il futuro comune.

Vogliamo condividere fedi e sensibilità diverse, per convergere insieme nell’importanza di ciò che è vero, bello e buono. Concorderemo per questo passi concreti e contiamo sulla collaborazione di molti.

Modica, 15 settembre 2010
Anniversario del martirio di don Giuseppe Puglisi
prete, educatore, testimoni della legalità

Letto 11227 volte