Altro che inciuci della Prima Repubblica!

Il Comitato per i Diritti del Cittadino, facendosi portavoce del sentire comune, esprime tutto il suo sdegno per quanto è accaduto e sta accadendo nei palazzi della politica. Quello che si è consumato nei giorni scorsi a Palermo e quello che si sta consumando in questi giorni a Roma, è veramente sconcertante per non dire vergognoso. Altro che inciuci della Prima Repubblica! In Sicilia, a distanza di due anni dalle elezioni regionali che hanno visto contrapposti il centrosinistra con Anna Finocchiaro candidato Presidente e il centrodestra col Movimento per l’Autonomia con Raffaele Lombardo candidato Presidente che a sua volta è stato eletto Governatore, dopo bene tre Governi si forma il quarto, ma questa volta con il sostegno fondamentale del Partito Democratico che si allea con il partito autonomista di Lombardo, tradendo in tal modo tutti gli elettori, sia di centrodestra (prima maggioranza e ora opposizione), sia di centrosinistra (prima opposizione e ora maggioranza). A Roma, nel frattempo, Lombardo contratta con Berlusconi per garantirgli il suo appoggio con i cinque parlamentari dell’MpA e tenere in piedi un Governo che non ha più l’originaria maggioranza in Parlamento. L’incoerenza assoluta, la delegittimazione degli elettori che vengono usati e traditi, nonché l’attaccamento alla poltrona, è il mix che ne viene fuori. Una miscela che può produrre effetti devastanti tra la popolazione costretta quotidianamente a fare i conti con le conseguenze della profonda crisi economica che sta mettendo in ginocchio famiglie e imprese, mentre chi dovrebbe occuparsi di governare e risolvere i problemi, passa il tempo a contrattare, facendo Governi anche col diavolo pur di rimanere al potere. Dall’altro lato, chi dovrebbe rappresentare l’alternativa (il PD), fa invece un inciucio col suo avversario (l’MpA), tradendo non solo i suoi elettori, ma anche quelli che dovrebbero essere i propri dichiarati valori.

Modica, 27/09/2010
Marcello Medica

Letto 16373 volte