IN OCCASIONE DEL 25 NOVEMBRE- GIORNATA INTERNAZIONALE PER RIBADIRE IL NO ALLA VIOLENZA SUBITA DALLE DONNE
LA COMPAGNIA DEL PICCOLO TEATRO CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI MODICA ASS ALLA CULTURA
PRESENTA:
NEMMENO CON UN FIORE

Lo spettacolo vuole essere un mezzo di denuncia sociale, nasce per idea e in collaborazione di Amnesty international, gruppo di Ragusa.
Lo spettacolo è rivolto ai ragazzi delle scuole, perché la scuola non è e non può essere solo un luogo dove apprendere nozioni, ma deve essere un luoghi che formi ed educhi i ragazzi nell’interezza della loro personalità. (Scuola aderente all’iniziativa: Liceo scientifico)
Tutte le storie raccontate ed interpretate dai vari artisti sul palco sono storie vere, realmente accadute; testi di riferimento: Passi affrettati di Dacia Maraini, storie di dolore e discriminazione; Amorosi assassini di Simona Tagliavento e altre, 300 casi di violenza strutturati in ordine cronologico, Schiava di mio marito di Tehmina Durrani, libro autobiografico in cui la scrittrice pakistana racconta la sua vita matrimoniale.
Viene rappresentata la violenza, il disagio, il dolore subito da tante donne che vivono in paesi del sud e del nord del mondo, paesi occidentali ed orientali.
Autori della violenza uomini di ogni fascia sociale
Violenza sessuale e fisica, dalle percosse all’omicidio (è stimato che negli Stati Uniti una donna viene picchiata dal suo partner o ex partner ogni 18 secondi e che sono 4800 le donne aggredite dal partner o ex partner nell’arco di una giornata).
Violenza psicologica, meno denunciata, più subdola e più difficile da dimostrare. Violenza domestica (gli studi dimostrano la maggior parte di donne vittime di omicidio è ucciso dal marito o compagno) e violenza fuori dalle mura di casa
Lo spettacolo è una “tragedia” moderna: la tragedia greca classica non si può comprendere se non all’interno della dinamiche della società. Il teatro era un rito collettivo che doveva procurare emozioni forti negli spettatori, doveva appassionarlo, commuoverlo, provocarlo e ammonirlo. Si mettevano in scena i valori della collettività e si traduceva in termini teatrali il sistema culturale degli spettatori; allo stesso modo con queste storie vogliamo esprimere valori che devono essere condivisi, vogliamo informare e ammonire chi assiste. Lo spettacolo sarà giorno 25 alle 11:15 presso L’auditorium del Liceo scientifico. Si comincerà con lo spettacolo e a seguire un dibattito con i ragazzi. Presente Carmelo Pulvirenti di Amnesty international, gruppo di Ragusa.

Compagnia del Piccolo Teatro

Letto 14353 volte