Cuffaro si è dimesso. Dichiarazioni di Rita Borsellino

http://www.ritaborsellino.it/

Dimissioni Cuffaro. Dichiarazione di Rita Borsellino.

Palermo 26 gennaio 2008. “La decisione del governatore Cuffaro è un atto dovuto nei confronti della Sicilia e i siciliani. Adesso si apre una fase decisiva per l’isola e il suo futuro in cui ognuno deve fare la propria parte”. Rita Borsellino commenta così la decisione del presidente della Regione.

“La Sicilia ha avuto progressivamente in questi anni una caduta verticale in tutto: dal punto di vista sociale, economico, di qualità della vita e visibilità nazionale e internazionale. Una crisi così profonda da indurre pezzi della società e settori importanti come quelli del mondo imprenditoriale a innescare un cambio di rotta radicale.

La politica deve fare lo stesso raccogliendo i segnali che partono dalla società e riformandosi dall’interno.

Il prossimo governo regionale può e deve essere il governo dello svolta, quello capace di raccogliere i segnali positivi che arrivano dalla società e che chiedono uno sviluppo etico e legale, una politica lontana da clientele e favori, pari opportunità per tutti.

La fase che si apre sull’isola è fondamentale. Esistono le condizioni per determinare il cambiamento. Ognuno in questo momento deve fare la propria parte senza tirarsi indietro”.

Letto 9005 volte

3 thoughts on “Cuffaro si è dimesso. Dichiarazioni di Rita Borsellino”

  1. Naturalmente Totò non si è dimesso certo per il suo alto senso di responsabilità, anche perchè sennò non ci avrebbe rifletuto su una settimana…

    Semplicemente ha preferito mettersi da parte da solo prima che la procedura avviata dal governo per rimuoverlo d’ufficio arrivasse a termine.

    Che alto senso dell’onore !

    Dimostra quasi pìù attaccamento alla Sicilia
    e ai siciliani che alla sua poltrona…

  2. Don Totò ha fatto bene i suoi conticini e, in previsione di un papabile ritorno alle urne degli italiani, sarà ben felice di tornare alla “carica” posizionandosi in una delle due camere più confertovoli d’Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *