Golia trema

Letto 11054 volte

3 thoughts on “Golia trema”

  1. Ciao,
    questa mail per commentare il vergognoso manifesto affisso
    dalla PDL modicana! Manifesti che si commentano davvero da soli!
    Certo magari sono incazzato poichè nelle mie vene scorre acceso sangue
    Socialista…
    ma è davvero poco decoroso ed immaturo mettere in giro manifesti del
    genere…
    puntando alla Politica Nazionale!
    Per quanto non frequenti il vosto Movimento sappiate che avete tutto il mio
    rispetto
    per quello che fate!

    Con stima,
    Nico.

  2. Questa mattina mi sono alzato…..
    è appena uscito alle ore 05:45
    ho trovato i manifesti del pdl
    ho provato solo delusione, si mi hanno deluso,
    che c’entrano Prodi e Veltroni???
    Il Centro sinistra ha fatto per caso dei manifesti
    con il volto di Berlusconi???

    E dire che ispira molto, specialmente in questi giorni, Abolizione ici. decreto salvaprocessi, continui attacchi ai giudici…
    Chissà cosa ne penserebbero Falcone e
    Borsellino.
    Anzi ecco cosa ci raccomandava Borsellino:

    La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.

    Antonio 62

  3. Ho trovato su internet questa piccola trascrizione di una lezione di Borsellino, e mi sembra alquanto attuale.

    “U Guru”

    26/01/1989 Istituto Tecnico Professionale di Bassano del Grappa
    Lezione di Paolo Borsellino tre anni prima di saltare per aria
    “L’equivoco su cui spesso si gioca è questo: quel politico era vicino ad un mafioso, quel politico è stato accusato di avere interessi convergenti con le organizzazioni mafiose, però la magistratura non lo ha condannato quindi quel politico è un uomo onesto. E no, questo discorso non va perché la magistratura può fare soltanto un accertamento di carattere giudiziale, può dire, beh, ci sono sospetti, ci sono sospetti anche gravi ma io non ho la certezza giuridica, giudiziaria che mi consente di dire quest’uomo è mafioso. Però siccome dalle indagini sono emersi altri fatti del genere altri organi, altri poteri, cioè i politici, le organizzazioni disciplinari delle varie amministrazioni, i consigli comunali o quello che sia dovevano trarre le dovute conseguenze da certe vicinanze tra politici e mafiosi che non costituivano reato ma rendevano comunque il politico inaffidabile nella gestione della cosa pubblica. Questi giudizi non sono stati tratti perchè ci si è nascosti dietro lo schermo della sentenza: questo tizio non è mai stato condannato quindi è un uomo onesto. Il sospetto dovrebbe indurre soprattutto i partiti politici quantomeno a fare grossa pulizia, non soltanto essere onesti, ma apparire onesti facendo pulizia al loro interno di tutti coloro che sono raggiunti comunque da episodi o da fatti inquietanti anche se non costituenti reati.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *