Modica: attorno ai bambini, i modicani riscoprono il Carnevale

Modica - Carnevale 2009
Modica - Carnevale 2009

E’ stata l’immagine più bella degli ultimi anni e simbolo dell’inversione di rotta di questa amministrazione, che, nonostante i gravissimi problemi del nostro comune, riesce a realizzare iniziative di grande spessore, con forti capacità di programmazione ed entusiasmanti obiettivi da raggiungere.
I bambini punto di partenza e di arrivo di tutto il progetto, con in mezzo la meraviglia delle relazioni che solo loro sanno innescare, catturando gli adulti, genitori, insegnanti ed educatori, in un enorme “formicaio” di azioni e di interazioni che ieri sera si sentiva nell’aria e si coglieva negli sguardi meravigliati e gioiosi di tutti.


La serata di ieri ci ha riportati indietro al giorno dell’elezione di Antonello Buscema a Sindaco di Modica, quando i bambini della casa di accoglienza, ben conosciuti dal Sindaco, gli corsero incontro gridando “Antonelloooo!”.
E così ieri, un fiume di maschere, come non si vedeva da anni, ha invaso il corso Umberto in un corteo che ha visto bambini accompagnati da genitori e insegnanti, molti dei quali in maschera, sfilare accanto ai personaggi della favola di Pinocchio, in un torpedone umano che si ingrossava man mano che si aggiungevano i gruppi di vocianti e allegri bambini.
Modica si è riappropriata del suo carnevale e, dopo anni di teppismo e scorribande, specchio, forse, degli scorsi anni di amministrazione, il centro storico è stato invaso dall’esercito della meraviglia e dello stupore, della saggezza e della cura, in una battaglia che ha visto tutti vincitori e in cui il bottino prezioso è stata ed è la RELAZIONE che cresce e che, ogni giorno, trasforma e arricchisce tutta la comunità.
Le tante parole e le critiche sul “grigiore e la tristezza” sentite in città negli ultimi giorni, si sono infrante nella muraglia umana che ieri, senza distinzione di idee e di posizioni politiche, ha partecipato ad un bellissimo e coloratissi momomento di festa, con un sottofondo di semplicità ma con contenuti solidi che ci fanno ben sperare per il futuro.
Semplicità e solidità che non è difficile scorgere nella persona che, con coraggio e serietà, sta guidando la città verso il riscatto.
Grazie Antonello!

Letto 21152 volte

6 thoughts on “Modica: attorno ai bambini, i modicani riscoprono il Carnevale”

  1. Molto bella questa comunicazione sul Carnevele modicano 2009 (il primo, per la verità!). Contrasta peraltro tanta disinformazione non certamente casuale e perfino sorprendente (sul sito del Comune neppure un accenno!), cogliendo il valora grande ed il senso profondo di un percorso di riscatto quale quello del progetto “Nel solco della tradizione” e le figure che oggi possono aiutare queesto riscatto, ad iniziare dal Sindaco (verso cui dovrebbe andare molta gratitudine per il peso enorme che porta e per la ferma mitezza con cui lo porta). Spero che questo ci spinga tutti ad un impegno ulteriore, senza rassegnazione e senza pigrizia, nel segno della verità e della bellezza, della generosità e della gratuità.

    Un cittadino che ama questa città

  2. Scusami tanto tomas. Sono 12’000€ che di certo all’amministrazione non posso apportare chissà quale cambiamento, è pur vero che si sta adottando una campagna volta a racimolare tutte le briciole possibili e questa poteva esser una delle tante briciole. Ma pensaci un pò….12000€ che hanno dato la felicità a tanti bambini….12000€ che hannodato la gioia ai genitori nel vedere i figli felici….12000€ che hanno evitato/ridotto atti vandalici e possibili danni agli esercizi commerciali. 12000€ per abbozzare un sorriso in una valle di lacrime credo che sia valsa la pena di spenderli. Poi sono punti di vista, non mi meraviglierei che gente che ha sperperato fior di milioni di € oggi si vada a lamentare per 12000 € investiti per regalare un po di felicità ai bambini.;-)

  3. Tomas evidentemente ironizzava sulla libertà e l’autonomia del giornale on line.
    E infatti conclude dicendo che questi “strumenti d’informazione” forse considerano pericolose le relazioni che nascono da iniziative di questo genere.

    A me sembra che la mancanza di idee di buona parte dell’attuale opposizione e l’assoluta incapacità di utilizzare gli strumenti che hanno a disposizione è palese. Altrimenti non si ridurrebbero a fare manifesti come quello che vediamo sui muri di Modica in questi giorni e a truccare le foto sul sito del giornale citato da Tomas.
    Dopo gli sperperi ignorati per anni ora alcuni intravedono sprechi in ogni spesa del comune.
    La differenza, oggi, sta nel fatto che Antonello non teme certo questa “attenzione”, anzi, la incentiva e la incoraggia. Ben vengano quindi le critiche se motivate e costruttive.
    Al sindaco Buscema, inoltre, non passa mai per la mente, manco per un istante, di essere infallibile e il detentore unico della verità.
    L’umiltà e la modestia (tipica delle persone sagge)sono entrate finalmente al comune di Modica!
    Anche questa è una differenza che piano piano tutti noteranno.

  4. se 12000 euro servono per far crescere le piccole generazioni meglio… penso siano soldi spesi bene…

  5. concordo con il messaggio e la lettura data dell’evento che ha rappresentato un momento di riappropriazione – anche fisica – delle piazze e delle strade della nostra splendida modica.
    Vorrei sottolineare tuttavia l’assordante silenzio mediatico – senz’altro strumentale – che ha fatto da contrappunto a questa ricchezza di convivialità e di relazioni che finalmente possono riemergere in città. Alcune posizioni non sono plausibili – vedi l’assenza pressochè totale delle tv locali o la mancanza di comunicazione nel sito istituzionale del comune -.
    Caro Antonello vai avanti così e con umiltà e pazienza (ma fino a quasdo?) insieme ce la potremo fare a riscattare questa nostra modica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *