Documento del coord. regionale contro il G8

doc_coord_reg_contro_g8Dal 22 al 24 aprile Siracusa sarà sede del summit G8 sull’ambiente. Verranno a Siracusa, si barricheranno a Ortigia, dentro il castello Maniace dal 22 al 24 aprile. Sono i rappresentanti per l’ambiente degli otto governi cosiddetti più grandi del mondo: grandi inquinatori, grandi devastatori, grandi sostenitori e applicatori delle politiche liberiste, grandi responsabili del declino inarrestabile del Pianeta e dell’oppressione dei suoi abitanti, a cominciare dai paria dei paesi del Sud del Mondo. Otto anni dopo la rivolta di Genova gli 8 grandi devono trovare ad attenderli, con la stessa determinazione di sempre, i movimenti contro il neoliberismo e la guerra che in questi anni hanno riempito le piazze di tutto il mondo, che anche qui da noi in Sicilia hanno avuto un ruolo così importante nel costruire la solidarietà ai migranti, come nel difendere i territori, come nel sostenere l’Antimafia Sociale.

Siracusa, che ospiterà il vertice sull’ambiente, rappresenta il simbolo dello scempio ambientale causato da decenni di sfruttamento del territorio in nome del “profitto” e dello “sviluppo” a tutti i costi ad esclusivo vantaggio dei politicanti locali, così ben rappresentati in parlamento ed al governo, e del sistema di potere mafioso. La scelta di Siracusa come luogo del summit per “salvare l’ ambiente” voluto dalla ministra dell’ambiente è paradossale: una città tra le più inquinate d’Italia, limitrofa al triangolo della morte “Priolo, Augusta, Melilli” dove si progetta la costruzione di un rigasificatore e di un inceneritore, dove la vicina val di Noto è stata sfregiata dalle trivellazioni petrolifere. Ed è la faccia angelica di Stefania Prestigiacomo, figlia d’arte e ministra, a farlo.

Con la sua famiglia controlla diverse aziende presenti nel triangolo della morte Augusta-Priolo-Melilli: la Coemi spa (99%), la Vetroresina engineering development (59,1%), e la fallita Sarplast (6,29%) ed ha ancora la spudorataggine di ergersi a paladina dell’ambiente, proprio lei che è azionaria della Ved, azienda amministrata da suo padre sulla cui testa incombono più processi: per bancarotta fraudolenta, per trattamento e smaltimento illegale di rifiuti con gravi danni all’ ecosistema limitrofo (la Ved si trova ad Augusta) e per il non rispetto delle norme di sicurezza nei confronti degli addetti della sua azienda (niente maschere di protezione dalle polveri e cappe di aspirazione e aerazione spente).…

Letto 9923 volte

RG: Inaugurato museo “Gli italiani in Africa”

Oggi, 26 marzo, è stato inaugurato il museo “Gli italiani in Africa”, presso una sede ubicata al piano terra del palazzo municipale.
Il materiale esposto è tutto o quasi di provenienza militare italiana: una vera apologia del colonialismo e del fascismo, come si può notare anche dai materiali grafici esposti (giornali, mappe, cartoline, proclami) e dalle foto affisse.
E’ sorprendente che una simile iniziativa, cui non sono mancati i contributi di parte pubblica (quindi dei cittadini) possa veder luce in uno spazio comunale, in maniera così acritica e antistorica.…

Letto 13967 volte