Omissione di soccorso nelle acque del Canale di Sicilia?

Palermo 9.11.2009 –

1giugno_come_un_uomo_sulla_terraNel giorno della visita del ministro Maroni in Libia ancora un episodio di omissione di soccorso nelle acque del Canale di Sicilia. Come riferisce l’agenzia APCOM, “due barconi con un centinaio di migranti a bordo hanno lanciato la notte scorsa un sos mentre si trovavano nel Canale di Sicilia. I barconi, secondo quanto riferisce il portavoce delle Forze armate maltesi, il maggiore Ivan Consiglio, sono ancora in acque di competenza libica e non risultano essere entrati ancora in quelle di competenza dell’autorità dell’Isola dei Cavalieri. Le autorità italiane sono state allertate e monitorano la situazione”.

Secondo il GR 1 di oggi, lunedì mattina, le autorità italiane non stanno intervenendo perché le imbarcazioni si troverebbero in acque di competenza maltese, anche se le Convenzioni internazionali imporrebbero comunque a qualunque stato rivierasco ne abbia notizia un intervento immediato per salvare vite umane in pericolo. Probabilmente le autorità italiane stanno “monitorando” la situazione per consentire alle motovedette regalate ai libici di raggiungere prima i barconi carichi di migranti. Infatti, sia i maltesi che il governo italiano sono in attesa che le motovedette libiche riescano a bloccare la navigazione delle imbarcazioni cariche di migranti e li riconducano verso i porti di partenza.…

Letto 11417 volte