Consiglio comunale del 28 dicembre 2009 – Resoconto del consigliere Cerruto

Consiglio comunale del 28 dicembre 2009 – Resoconto del consigliere Cerruto

Nino Cerruto
Nino Cerruto

Come penso ormai tutti sanno nella seduta del 28/12/2009 il Presidente del Consiglio, Dott. Paolo Garofalo, dopo l’ennesima provocazione del Consigliere Gerratana (PDL), ha rassegnato le dimissioni dalla carica ricoperta.
La seduta si è conclusa con un nulla di fatto.
I primi punti ad essere trattati sono quelli richiesti dall’opposizione con il Consigliere Carpenzano primo firmatario. Il primo riguarda la mancata attivazione dell’acquedotto di Zappulla ed il secondo le proposte di modifica al regolamento TARSU. Nonostante i consiglieri proponenti da oltre 10 anni esercitano questa carica, non hanno depositato alcuna documentazione presso l’ufficio di Presidenza, così come previsto dal vigente regolamento, in modo da consentire a tutti i consiglieri di prenderne visione e trattare l’argomento con cognizione di causa.
Si è assistito, di conseguenza, a 4 ore di discussione senza giungere ad alcuna determinazione  e alla fine si è avuta l’impressione che i proponenti non avessero ancora le idee chiare sull’argomento. Nonostante questa mancanza il Presidente consente la trattazione del 1° punto assimilandola ad una interrogazione allargata, anche se in questa seduta non erano previste interrogazioni: l’assessore ai Lavori Pubblici risponde che una delle principali cause della mancata attivazione dell’acquedotto deriva dal mancato allaccio alla rete elettrica. Il Comune di Modica risulta infatti essere il comune d’Italia più indebitato con l’Enel, la quale esercita, quindi, azioni ostruzionistiche per costringere l’ente a pagare.…

Letto 21548 volte

Dalla Caritas l’augurio di rapporti veri

La bontà di Natale non è generica!
Dalla Caritas l’augurio di rapporti veri

Non è generica la bontà di Natale. Essa nasce dalla “grazia di Dio apportatrice di bontà”, dal dono gratuito:  messaggio inclusivo, messaggio comprensibile a credenti e non credenti, ma anche messaggio non generico, non riducibile a buoni sentimenti momentanei. Da qui l’augurio di rapporti veri: nelle famiglie, nelle politica, nel mondo stesso della solidarietà. Nelle famiglie l’augurio di rapporti veri si concretizza con la capacità di fermarsi, di avere più tempo per il dialogo tra genitori e figli, di ricordarsi di un parente solo, di una persona con cui è opportuno riconciliarsi, di uno spazio che si può dare all’accoglienza e alla visita. Nella città, in un tempo ancora difficile in cui si stanno affrontando problemi gravi come il risanamento finanziario e l’efficienza della macchina comunale, l’augurio di rapporti veri coinvolge coscienza e discernimento di parti politiche e cittadini: c’è da stare attenti al bene comune, incompatibile con ogni forma di privilegio, di disimpegno nel proprio compito professionale, di illegalità, di sterile polemica o, all’opposto, di difesa ambigua di posizioni che non nascono da motivazioni limpide. Mai come in questo momento a Modica vale quanto affermato da don Milani sulla politica come “capacità di uscire insieme dai problemi”, che impegna “chi ama a non essere qualunquista” e ad avere a cuore le sorti di tutti, e dei poveri in particolare.…

Letto 19511 volte

COPENHAGEN: nulla di fatto. Lettera di GreenPeace

Pubblichiamo la lettera del direttore di GreenPeace KUMI NAIDOO

Link

greenpeaceLA LETTERA DEL DIRETTORE KUMI NAIDOO
A COPENHAGEN É STATO COMMESSO UN CRIMINE. MA NON E’ FINITA

Come le decine di migliaia di attivisti attorno al globo che hanno lavorato in modo così duro perché da Copenhagen uscisse un trattato equo, ambizioso e legalmente vincolante, ho sperato fino all´ultimo che i nostri leader avrebbero agito, raggiungendo un accordo sul clima sufficiente a evitare la catastrofe climatica.

Ma la realtà è stata diversa. Nonostante il mandato ricevuto dai cittadini di tutto il mondo, e più di un centinaio di capi di governo arrivati a Copenhagen, il battibecco continua. I nostri leader non hanno agito come tali. Non hanno portato a termine il loro compito.

Il risultato non è equo, né ambizioso e legalmente vincolante. Oggi, i potenti della Terra hanno fallito l´obiettivo di impedire cambiamenti climatici disastrosi.

La città di Copenhagen è la scena di un crimine climatico, con i colpevoli che scappano verso l´aeroporto, coperti di vergogna. I leader mondiali hanno avuto un´occasione unica per cambiare il pianeta in meglio, evitando i cambiamenti climatici. Alla fine hanno prodotto un accordo debole, pieno di lacune abbastanza grandi da farci passare attraverso tutto l´Air Force One.…

Letto 14569 volte

Intervento di Carmelo Modica su “Modica Città giardino”

Riceviamo e pubblichiamo

Intervento di Carmelo Modica su “Modica Città giardino”

Valuterò se portare Nino Scivoletto ed i suoi 33 compagni davanti al giudice

modica_citta_giardino_e_citta_conteaUn comitato presieduto da Nino Scivoletto ha in animo di avviare le procedure per creare Modica città giardino un Comune autonomo rispetto a Modica.

La nuova città comprenderebbe i seguenti territori: Frigintini, Maganuco, i quartieri San Giuliano, Tirella, Caitina, Treppiedi e Rocciola e le contrade Aguglie, Albarcara Badiola, Baravitalla, Beneventano, Cannizzara, Cappuccina, Catagirasi, Catanese, Catanzarello, Cava dei Servi, Cava Ispica Ciacera, Ciarciolo, Cisterna Salemi, Cozzo Rotondo, Crocevia, Fondo Marta, Fondo Mosche, Fosso Tantillo, Fondo Longo, Famagiurgia, Fargione, Fargionello, Fasana, Ganzeria, Giganta, Gisana, Gisanella, Gisira, Gisirella, Gisirotta, Graffetta, Cianciò, Graffolongo,Montesano, Musebbi, Calicantone, Michelica, Miglifulo, Milicucco, Minciucci, Pietre Nere, Pirato Cava Gucciardo, Pirato Cava Maria, Pirato Lombardo, Pozzo Cassero, Povere Donne, Prainito, Rocciola, Sant’Elena, San Filippo, Passo Parrino, Pezza, San Giovanni Pirato, San Giuliano Macallè, Santa Rosalia, Serrapero, Serrauccelli, Torre Cannata, Tre Cosucce, Torre Rodosta, Trebalate Vanella Amuri, Vanella Balli, Zappulla

Tolti questi territori Modica si ridurrebbe, secondo questi modicani doc, al centro abitato escluso il quartiere Sacro cuore e, bontà loro, lo sbocco al mare di Marina di Modica(?).…

Letto 14808 volte

Rischio idro-geologico Via Trani

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Al Sig. Sindaco del Comune di Modica

All’Assessore alle manutenzioni

All’Assessore all’Urbanistica

del Comune di Modica

E p.c. agli organi di stampa

Oggetto: interrogazione –situazione rischio idro-geologico Via Trani

Nino Cerruto
Nino Cerruto
Carmelo-Cerruto
Carmelo Cerruto

I sottoscritti consiglieri comunali Carmelo Cerruto e Antonino Cerruto, pongono alla sua attenzione la seguente problematica. Nel tratto precedente la zona di intersezione tra la Via Trani e la Via Nazionale nella parte laterale della carreggiata è presente una ringhiera in ferro da dove è visibile un alveo di un corso d’acqua; dagli approfondimenti effettuati e sulla base di alcune segnalazioni di cittadini residenti nella zona, si è potuto constatare che tale alveo è l’unica canalizzazione che consente lo smaltimento di acque piovane dell’intero quartiere Sacro Cuore; non essendo disponibile nel quartiere Sacro Cuore una rete di smaltimento di acque bianche, nel caso di eventi meteorici, l’acqua da diverse strade viene convogliata in maniera naturale in massima parte in detto alveo che scende verso Modica Bassa. Da ciò si comprende l’importanza dell’alveo. Dalle indagini svolte sul sito si è potuto constatare lo stato di abbandono dell’alveo. …

Letto 18619 volte