Un segno di pace 2010

UN SEGNO DI PACE 2010
TEATRO SANT’ANNA – MODICA

SABATO 11 DICEMBRE ore20.30 INGRESSO LIBERO

La Compagnia opera nel territorio provinciale e regionale dal 1989 e dal 1993 realizza con cadenza annuale un concerto “UN SEGNO DI PACE”, momento di aggregazione per tutti coloro che credono nell’arte come mezzo di diffusione di messaggi che esaltano la difesa dei valori fondamentali e ineccepibili che accompagnano l’esistenza di ogni essere umano. L’iniziativa rappresenta anche un segno di SOLIDARIETÀ SOCIALE E DI BENEFICENZA, per coloro i quali abbisognano di un sostegno economico, sia pure minimo, e che non sempre sono oggetto di attenzione per la società opulenta e consumistica in cui viviamo. Pertanto alla fine della manifestazione, viene lasciata un’offerta liberamente che quest’anno verrà devoluta ad una famiglia bisognosa che ci è stata segnalata.
Il concerto“UN SEGNO DI PACE” è organizzato dal Piccolo Teatro ma viene realizzato in maniera composita grazie al contributo di gruppi musicali e artisti presenti nel territorio. Un Segno di pace è annualmente organizzato attorno ad un tema, quello scelto quest’anno è LA CRISI DEI VALORI NELLA SOCIETA’ ATTUALE. Tutti gli artisti presenti si confronteranno attorno ad esso, perché gli artisti comunicano emozioni, emozioni non superficiali, ma che entrano in profondità, che sconvolgono e coinvolgono. La grandezza di un artista, sia esso un attore, un musicista, un cantante, un danzatore dipende dal segno che lascia, dalla profondità che raggiunge.

Letto 16669 volte

Cantieri, tabelle e rifiuti. Interrogazione del Consigliere Nino Cerruto

Cantieri non adeguatamente segnalati e rifiuti pericolosi caratterizzano da mesi l’area attigua al ponte Guerrieri. In tutta la città attorno ai cantieri edili, spesso, si verificano situazioni che non tengono conto delle regole.

Al Presidente del Consiglio Comunale
Al Sindaco
All’Assessore alla Polizia Municipale
Comune di Modica
E p.c. Alla Guardia di Finanza
Agli organi di informazione
Loro sedi

Oggetto: Il fenomeno dei cantieri edili privi dell’apposita tabella. Interrogazione.

Sul ponte Guerrieri, in c.da Gisirella, è stato realizzato un impianto di distribuzione di carburanti senza che fosse stata mai esposta, nonostante le continue segnalazioni, la tabella, chiaramente leggibile, così come previsto dall’art. 57 del vigente regolamento edilizio comunale), in cui fossero riportati:
• Nome e cognome del proprietario committente;
• Nome e cognome e titolo professionale del progettista e del direttore dei lavori;
• Denominazione dell’impresa assuntrice dei lavori;
• Estremi della concessone edilizia.

Proprio di fronte al suddetto impianto sta per esserne realizzato un altro, privo anche questo della relativa tabella. Evidentemente il titolare si sente autorizzato ad agire impunemente in quanto nessun atto sanzionatorio riesce a raggiungerlo.

Un cantiere edile senza la chiara segnalazione della licenza edilizia si suppone essere abusivo. Le violazioni sono punite con le sanzioni penali ed amministrative, previste dalle norme vigenti; inoltre il dirigente del competente ufficio comunale verifica entro 30 giorni la regolarità delle opere e dispone gli atti conseguenti (art. 27 del DPR n. 380 del 6/6/2001). Il ricorso alle sanzioni è stato confermato dalla sentenza n. 16037 dell’11/5/32006 della Cassazione.

La costruzione di un tale impianto, realizzato tra l’altro a ridosso di un esercizio commerciale di prodotti casalinghi altamente infiammabili, sta comportando fattori di inquinamento ambientale in quanto, come testimoniato da rilievi fotografici all’uopo effettuati, dietro il cantiere sono stati ammassati rifiuti di risulta tra cui anche pannelli di eternit…

Letto 16055 volte

25 novembre 2010 – Giornata internazionale contro la violenza sulle donne – “Nemmeno con un fiore” – Spettacolo della Compagnia del Piccolo Teatro con il patrocinio del Comune di Modica

IN OCCASIONE DEL 25 NOVEMBRE- GIORNATA INTERNAZIONALE PER RIBADIRE IL NO ALLA VIOLENZA SUBITA DALLE DONNE
LA COMPAGNIA DEL PICCOLO TEATRO CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI MODICA ASS ALLA CULTURA
PRESENTA:
NEMMENO CON UN FIORE

Lo spettacolo vuole essere un mezzo di denuncia sociale, nasce per idea e in collaborazione di Amnesty international, gruppo di Ragusa.
Lo spettacolo è rivolto ai ragazzi delle scuole, perché la scuola non è e non può essere solo un luogo dove apprendere nozioni, ma deve essere un luoghi che formi ed educhi i ragazzi nell’interezza della loro personalità. (Scuola aderente all’iniziativa: Liceo scientifico)
Tutte le storie raccontate ed interpretate dai vari artisti sul palco sono storie vere, realmente accadute; testi di riferimento: Passi affrettati di Dacia Maraini, storie di dolore e discriminazione; Amorosi assassini di Simona Tagliavento e altre, 300 casi di violenza strutturati in ordine cronologico, Schiava di mio marito di Tehmina Durrani, libro autobiografico in cui la scrittrice pakistana racconta la sua vita matrimoniale.
Viene rappresentata la violenza, il disagio, il dolore subito da tante donne che vivono in paesi del sud e del nord del mondo, paesi occidentali ed orientali.
Autori della violenza uomini di ogni fascia sociale
Violenza sessuale e fisica, dalle percosse all’omicidio (è stimato che negli Stati Uniti una donna viene picchiata dal suo partner o ex partner ogni 18 secondi e che sono 4800 le donne aggredite dal partner o ex partner nell’arco di una giornata).
Violenza psicologica, meno denunciata, più subdola e più difficile da dimostrare. Violenza domestica (gli studi dimostrano la maggior parte di donne vittime di omicidio è ucciso dal marito o compagno) e violenza fuori dalle mura di casa
Lo spettacolo è una “tragedia” moderna: la tragedia greca classica non si può comprendere se non all’interno della dinamiche della società. …

Letto 16273 volte

IL PD sulla denuncia per la fornitura elettrica del Teatro Garibaldi

Partito Democratico

Agli Organi di Stampa

Modica lì 16 novembre 2010

Apprendiamo di un inchiesta da parte della procura di Modica, a seguito di una denuncia anonima, relativa alla fornitura di energia elettrica del Teatro Garibaldi.

La fiducia nell’attività della magistratura è massima e siamo certi che in questa come in qualsiasi altra occasione in cui si occuperà dell’attività diretta o indiretta dell’amministrazione Buscema non potrà che certificarne la cristallina regolarità.

Riteniamo che la presentazione di una denuncia anonima come sbocco di una serie di attività volte a trovare ad ogni costo il torbido anche laddove c’è sempre stata chiarezza e linearità non sottende ad una richiesta di giustizia ma ad un preciso doloso disegno volto a gettare fango su ciò che di buono si sta realizzando per la nostra comunità.…

Letto 17182 volte

XXXIX Settimana teologica – Modica 19/21 novembre: I cristiani nella città – relatore prof. Massimo Toschi

Presso la Domus Sancti Petri a Modica, promossa dalla Diocesi di Noto, Uffici diocesani Catechesi, Liturgia e Caritas, si svolgerà dal 19 al 21 novembre 2010 la XXXIX Settimana teologica.

La Settimana Teologica a Modica, quest’anno, è di particolare rilevanza visto che il trentanovesimo appuntamento, ripropone in questo grave tempo di crisi il ripensamento della politica a partire dalla riflessione e testimonianza di grandi figure del cattolicesimo italiano come Dossetti, La Pira, Don Milani. “L’iniziativa, peraltro, si tiene dopo la “Settimana Sociale dei Cattolici italiani” e la firma del “Patto Sociale contro la crisi” tra Vescovo e Sindaco di Modica, due eventi che rimandano al comune impegno per il bene comune e all’apporto convinto dei cristiani. Anche il relatore quest’anno è un testimone, soprattutto per il suo ruolo di ambasciatore di pace che lo ha portato dentro situazioni di guerra ma anche di lotte nonviolente risultate vincenti come nel caso del Sud Africa”. Il relatore, il prof. Massimo Toschi, tra l’altro, vive in prima persona la disabilità in modo esemplare e coniuga conoscenza teologica, esperienza di vita e spiritualità e così diventa maestro di vita per molti. L’appuntamento è per venerdì 19, sabato 20, domenica 21 novembre alle ore 19,30 alla Domus Sancti Petri di Modica. Tre, dunque, i tempi. Il venerdì “Parola, Eucaristia e Poveri: fonte e culmine dell’impegno della chiesa nella storia”; sabato “La scelta degli ultimi: la testimonianza di Dossetti, La Pira e Milani”: domenica “La non violenza tra spiritualità e cittadinanza: l’esperienza del Sud Africa”.

Letto 23546 volte