L’ACQUA È DI TUTTI MA INTERESSA TUTTI? Il Forum provinciale dei movimenti per l’acqua di Ragusa chiede chiarezza a sindaci e Provincia

FORUM PROVINCIALE DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA

COMUNICATO STAMPA

L’ACQUA E’ DI TUTTI MA INTERESSA TUTTI?

Che l’acqua sia di tutti non ci sono dubbi, che interessi tutti non è per niente certo.
A portarci a dubitare è l’aver registrato un fatto di preoccupante gravità che si è verificato sabato scorso a Modica.
Promosso dal Forum provinciale dei movimenti per l’acqua, dal Comune di Modica e dalla Provincia Regionale di Ragusa, sabato 12, presso l’aula consiliare del comune di Modica, si è svolto un seminario di approfondimento sulle tematiche della gestione del Servizio Idrico Integrato al quale erano stati invitati tutti i sindaci, i parlamentari regionali e nazionali e le organizzazioni sindacali, oltre, chiaramente, alle associazioni facenti parte del Forum provinciale.
La gravità sta nel fatto che su 12 sindaci, oltre al sindaco Buscema che ospitava il seminario, soltanto il sindaco di Vittoria ha preso parte ai lavori, tramite una sua delegata, e su cinque parlamentari regionali soltanto gli onorevoli Ammatuna e Di Giacomo sono stati presenti. Non erano infatti presenti gli onorevoli Riccardo Minardo, Orazio Ragusa e Carmelo Incardona, così come assente era il parlamentare nazionale on. Nino Minardo. Ma anche la Provincia di Ragusa ha fatto registrare una ancor più grave assenza, considerato che era tra i promotori del seminario e, sebbene l’Assessore Mallia avesse anticipato la sua assenza per motivi di salute, ci saremmo aspettati di vedere il presidente Antoci o un altro assessore.
Il dubbio, pertanto, sul reale interesse rispetto al tema dell’acqua pubblica è più che legittimo o, forse, dobbiamo pensare che sabato scorso tutti questi rappresentati erano impegnati in altre faccende evidentemente più importanti?…

Letto 33823 volte

“Voi li chiamate clandestini” – lunedì 21 febbraio, presentazione del libro di Laura Galesi e Antonello Mangano alla Libreria Mondadori di Modica

Lunedì 21 febbraio, ore 18,30 – “Voi li chiamate clandestini” – presentazione del libro di Laura Galesi e Antonello Mangano presso la Libreria Mondadori di Modica, in corso Umberto I, 123. Saranno presenti gli autori

Un`inchiesta da Castel Volturno a Foggia, da Rosarno a Cassibile, sulle terribili condizioni di vita e di lavoro dei migranti. Un viaggio nel Sud invisibile, nelle campagne degli stagionali, dei rumeni, dei maghrebini, degli africani, degli imprenditori senza scrupoli, della `ndrangheta e della camorra. Cosa sappiamo della produzione dei pomodori, dei vini doc, delle arance? Questi tradizionali prodotti italiani sono spesso il frutto di lavoro nero, malpagato e ricattato.

Letto 36720 volte

SE NON ORA QUANDO? – Sit-in a Modica dalle 11 alle 13 in piazza Matteotti – Il 13 febbraio mobilitazione in tutte le città italiane per difendere il valore della dignità della donna da una cultura che la vuole ridurre a nudo oggetto di scambio sessuale offerto al potente di turno.

APPELLO ALLA MOBILITAZIONE DELLE DONNE ITALIANE DOMENICA 13 FEBBRAIO 2011 Sit-in a Modica in Piazza Matteotti dalle 11 alle 13

Tutte e tutti in Piazza, il 13 febbraio 2011. Questo non è un paese per donne.
LA DIGNITA’ DELLE DONNE E’ LA DIGNITA’ DELLA NAZIONE e LA DIGNITA’ DELLA NAZIONE E’ LA DIGNITA’ DELLE DONNE. VOGLIAMO UN PAESE CHE RISPETTI LE DONNE, TUTTE!

Le donne (e gli uomini) di Modica aderiscono a “Se non ora quando” e manifestano il disagio, il dolore e la rabbia per riprendersi la DIGNITA’ delle donne, del lavoro, dei giovani, la speranza nel futuro.

PARTECIPA ANCHE TU:FAI SENTIRE LA VOCE DEL DISSENSO!

il sito di riferimento http://senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com


Il testo dell’appello

SE NON ORA QUANDO?

In Italia la maggioranza delle donne lavora fuori o dentro casa, crea ricchezza, cerca un lavoro (e una su due non ci riesce), studia, si sacrifica per affermarsi nella professione che si è scelta, si prende cura delle relazioni affettive e familiari, occupandosi di figli, mariti, genitori anziani.

Tante sono impegnate nella vita pubblica, in tutti i partiti, nei sindacati, nelle imprese, nelle associazioni e nel volontariato allo scopo di rendere più civile, più ricca e accogliente la società in cui vivono. Hanno considerazione e rispetto di sé, della libertà e della dignità femminile ottenute con il contributo di tante generazioni di donne che – va ricordato nel 150esimo dell’unità d’Italia – hanno costruito la nazione democratica.

Questa ricca e varia esperienza di vita è cancellata dalla ripetuta, indecente, ostentata rappresentazione delle donne come nudo oggetto di scambio sessuale, offerta da giornali, televisioni, pubblicità. E ciò non è più tollerabile.…

Letto 24148 volte

Atti incendiari -Interrogazione di Vito D’Antona

Il sottoscritto D’Antona Vito, Consigliere Comunale di Sinistra, Ecologia e Libertà,

–          Tenuto presente che nella notte tra venerdì 4 e sabato 5 febbraio sono andati in fiamme otto cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani, coinvolgendo in Via Sacro Cuore anche quattro autovetture parcheggiate vicino ai cassonetti;

–          Rilevato che l’atto incendiario segue una lunga e costante scia di incendi notturni che ha interessato negli ultimi mesi in diversi punti della città i cestelli e i contenitori della raccolta dei rifiuti;

–          Visto, inoltre, l’incendio doloso avvenuto nel mese di agosto che ha provocato la distruzione di una ambulanza, mettendo a rischio l’incolumità delle persone abitanti l’edificio sotto il quale era parcheggiato l’automezzo;

–          Preso atto che tali episodi, certamente di origine dolosa, stanno fortemente preoccupando i cittadini modicani che si sentono minacciati da fenomeni che fino a poco tempo fa erano ritenuti lontani ed estranei alla storia e alla cronaca della città;…

Letto 22933 volte