Iniziative in ricordo di Pippo Fava

premio_fava“A che serve essere vivi se non c’è il coraggio di lottare”? Giuseppe Fava.
Questo il testamento di Giuseppe Fava, intellettuale, scrittore, drammaturgo, giornalista direttore de “I Siciliani”, straordinaria stagione di risveglio delle coscienze nella nostra terra! Giuseppe Fava, “un uomo”, innanzitutto, che osò sfidare l’impunità della mafia in Sicilia, mafia che lo uccise a Catania  il 5 Gennaio 1984.
Giuseppe Fava, un uomo, da conoscere  per chi vuole comprendere l’antimafia dei fatti e non solo delle parole! Un uomo che fino alla fine fece invece della Parola di libertà, l’urlo che alla velocità del suono si scontra con i vetri blindati delle nostre indifferenze e collusioni, frantumondoli, lasciando così alla Memoria un impegno che per molti si tradurrà – o per alcuni si è già tradotto, –  in una vera scelta di vita, in una tensione morale, in un motivo in più per inseguire la Bellezza( la Bellezza, di cui parlava Peppino Impastato)!
Partecipiamo insieme al Premio alla sua Memoria, non come mero ricordo, ma come motivo di rinnovata volontà di far camminare le sue idee sulle nostre gambe!
Gianluca Floridia – Libera Associazioni Nomi e Numeri contro le mafie

Inoltro le informazioni sul Premio Fava che si articolerà, anche quest’anno in tre sezioni:

Premio Giovani 2-3-4 Gennaio 2010
* Palazzolo Acreide (Sr), 2-3-4 Gennaio 2010. Il programma è in allegato. Il Premio Giovani alla Memoria di Giuseppe Fava è organizzato dal coordinamento “Giuseppe Fava”,  www.coordinamentofava.org, animato soprattutto da meravigliosi giovani volontari di Palazzolo Acreide (SR), che è la città natale di Pippo Fava.

Tre giorni di incontri, laboratori, dibattiti che porteranno alla premiazione di un attore tetrale molto giovane, Giulio Cavalli, attore milanese scortato per il suo teatro di impegno civile e di denuncia contro i poteri criminali, in particolare con il suo spettacolo teatrale “A Cento Passi dal Duomo”. In anteprima Cavalli si esibirà con un pezzo del suo nuovo spettacolo teatrale su Giuseppe Fava : “Monologando: Giuseppe Fava, un uomo.  500 euro, tutto a posto” oltre il suo “A 100 passi dal Duomo”

Programma:
2-01-2010 PALAZZOLO ACREIDE (Sala ex Biblioteca Comunale):
ore 15.30 – “Step by step LAB”, laboratorio dell’informazione a cura di:
– Fabio Chisari – Impaginazione e testi giornalistici
– Maurizio Parisi – Fotografia e immagini
– Sonia Giardina – Realizzare un cortometraggio
– Gabriele Zaverio – Realizzare una radio streaming in casa con l’open source
ore 18.00 – “Giornali, informazione e opinione pubblica”, dibattito con la presenza di:
– Fabio Chisari, docente di Storia sociale dei media presso l’Università di Catania
– Pino Maniaci, direttore di “Telejato”
– Gaetano Liardo, giornalista di “Libera Informazione – Osservatorio delle Legalità contro le mafie”
– Pippo Gurrieri, responsabile del mensile “Sicilia Libertaria”, La Fiaccola e Sicilia Punto L
– Marco Benanti, direttore di “Catania Possibile” e “Magma”
– Fabio D’Urso, giornalista de “Ucuntu – I Siciliani Giovani”
– Massimiliano Perna, “ilmegafono.org”
Coordina: Gianluca Floridia e Gabriella Galizia

PALAZZOLO ACREIDE (Sala ex Biblioteca Comunale):
ore 21:30 – Spettacolo teatrale “La mafia è un’idea” di Massimo Tuccitto a cura dell’Associazione Culturale Siracusa in Movimento…

Letto 18349 volte

Presentazione Libro: Educare per una cittadinanza globale

attinkit

Eventi… Attinkitè

EDUCARE PER UNA CITTADINANZA GLOBALE

COSTRUIRE UN MONDO GIUSTO A PARTIRE DALLA SCUOLA

Areta Sobjerai formatrice del centro Ucodep di Arezzo

presenterà il libro e il progetto

“Connectando mundos”

LUNEDÌ 7 DICEMBRE – 18.30

ASS. ATTINKITE’ (INGRESSO DALLA LIBRERIA MONDADORI)- MODICA

info: associazioneattinkite@gmail.com
info: mondadorirg@virgilio.it

Letto 25711 volte

Proiezione come un uomo sulla terra a Ragusa

Il Collettivo La Fabbrica e l’associazione Borderline Sicilia presentano:

COME UN UOMO SULLA TERRA

un film di Riccardo Biadene, Andrea Segre, Dagmawi Yimer.

SABATO 5 DICEMBRE ORE 19.30
SPAZIO AUTOGESTITO HOTEL LA FABBRICA PONTEVECCHIO RAGUSA

Dal 2003 l’Italia chiede alla Libia di fermare i migranti africani diretti in Europa. Ma cosa fa realmente la polizia libica? Cosa subiscono migliaia di uomini e donne arrestati in Libia o respinti in mare? E perchè tutti fingono di non saperlo?

1giugno_come_un_uomo_sulla_terraIl film è stato girato da Andrea Segre, Riccardo Biadene e Dagmawi Yimer. Dagmawi oltre ad essere regista è anche protagonista del film. Studente di giurisprudenza ad Addis Abeba, in Etiopia, nel 2005 decise di emigrare a causa della forte repressione politica. Prima di sbarcare a Lampedusa ha attraversato il deserto e il mare, subendo le violenze della polizia libica. A Roma, grazie alla scuola di italiano Asinitas, ha imparato a usare la telecamera. E ha deciso di raccogliere le memorie dei suoi compagni di viaggio, per rompere l’incomprensibile silenzio su quanto sta accadendo in Libia, nei campi di detenzione finanziati dall’Italia.…

Letto 19648 volte