Affissioni abusive: guerra tra istituti scolastici privati. E il comune?

abusivi1 abusivi2

È ricominciata, indisturbata, la battaglia a colpi di manifesti abusivi tra alcuni istituti scolastici privati.
A farne le spese, come sempre, sono la legalità, il decoro cittadino e quanti, rispettando le regole, hanno pagato i diritti di affissione e vedono i propri manifesti coperti proprio da coloro che, proponendosi di svolgere un ruolo educativo, per primi dovrebbero attenersi al rispetto delle leggi e, ancor prima, alle norme di convivenza civile.

Letto 74133 volte

Chi affigge abusivamente paga? – Interrogazione del consigliere Nino Cerruto

Considerato il persistere dell’increscioso fenomeno delle affissioni abusive che, violando ogni norma, sfigura la nostra città e, coprendo i manifesti affissi regolarmente, lede il legittimo diritto di qui cittadini che seguono il corretto iter e pagano le relative tasse;
rilevato che nonostante vengano elevate sanzioni e coperti i manifesti abusivi (anche se spesso con tempi troppo lunghi) si assiste al ripetersi della violazione da parte degli stessi soggetti (in particolar modo e con cadenza quasi regolare istituti scolastici privati);
tenuto conto, infine, che le operazioni di defissione e di pulizia dei supporti imbrattati dai manifesti abusivi comportano notevoli spese da parte del comune
si chiede
di avere copia dell’elenco delle multe comminate per le suddette violazioni nel corso del 2010 e di sapere quante siano state effettivamente pagate.
Il ripetersi delle violazioni da parte degli stessi soggetti ligittima, infatti, a dubitare che siano stati penalizzati dal pagamento delle sanzioni e induce a pensare che non l’abbiano mai fatto.

Letto 28886 volte

Modica: Il comune avvia recupero crediti sulla defissione manifesti elettorali del 2008

noaimanifest11 Da Radio R.T.M.:
Il Comune di Modica batte cassa ed avvia il recupero delle spese che ha dovuto sostenere per la defissione dei manifesti riguardanti la campagna elettorale per il rinnovo del consiglio comunale e l’elezione del nuovo sindaco, risalente al 15 e 16 giugno 2008. Circa cinquecento candidati in questi giorni stanno ricevendo a casa le notifiche dei verbali spiccati dall’ufficio dell’Avvocatura Comunale, attraverso i quali a coloro che avevano utilizzato spazi non autorizzati per l’affissione dei rispettivi manifesti elettorali, viene intimato di versare la somma prevista(qualcuno lo ha già immediatamente fatto). …

Letto 21816 volte

Sorrisi fuorilegge e fuoriluogo


Ancora una volta, così come è sempre accaduto nelle precedenti tornate elettorali, tornano ad invadere ogni angolo e muro delle nostra provincia i manifesti dei candidati.
Non fanno eccezione, infatti, le attuali elezioni europee, e si registrano la consueta illegalità e l’assoluta mancanza del rispetto delle regole.

Ricordiamo quali sono queste regole.

I manifesti elettorali possono essere affissi anche prima dell’inizio del periodo ufficiale di campagna elettorale ma, come per tutte le affissioni, bisogna rivolgersi agli uffici affissioni dei comuni e pagare le dovute tasse. Sarà poi l’ufficio affissioni a timbrare i manifesti e provvedere ad affiggerli. Insomma se non c’è il timbro sono illegali.

Letto 41251 volte

Nino Cerruto: calpestato il diritto alla libera espressione

Continua ancora una volta il triste spettacolo dell’affissione selvaggia, calpestando in maniera arrogante i diritti, sino ad oggi costituzionalmente riconosciuti, di libera espressione delle persone.
Il movimento Una Nuova Prospettiva, in vista delle elezioni di domenica e lunedì pp.vv., ha messo un manifesto, negli spazi assegnati alla lista, dove era scritto “GOLIA TREMA”.…

Letto 25032 volte