ACQUA: ABBATE, ASSENTE! I MODICANI CERCANO UN ALTRO SINDACO

giù le mani dall'acquaACQUA: ABBATE, ASSENTE!

I MODICANI CERCANO UN ALTRO SINDACO

Nonostante penda la mannaia del commissariamento da parte della Regione, apprendiamo che si è svolta l’assemblea dell’ATI Ragusa (Assemblea Territoriale Idrica) e ancora una volta si è registrata l’assenza del Comune di Modica, l’ennesima.

Insomma il sindaco Ignazio Abbate continua a mandare lo stesso segnale ai suoi concittadini: dell’acqua non mi importa un tubo!

Ma ci chiediamo, su questa posizione sono concordi anche gli altri componenti dell’amministrazione?

O forse sarebbe meglio chiedersi se c’è un’amministrazione, una giunta o c’è un uomo solo al comando?

Ci sono il vice sindaco Giorgio Linguanti, l’assessore Rita Floridia, l’assessore Giorgio Belluardo,

l’assessore Orazio Di Giacomo, l’assessore Pietro Lorefice?

Se tutti questi sono amministratori in carne ed ossa, e di questo siamo certi, impegnati ciascuno nel proprio ambito, è legittimo chiedersi perché, nonostante le ripetute richieste di spiegazioni, non sentono il dovere di dire qualcosa, di far capire i motivi, se motivi ci sono, per giustificare la mancata partecipazione a tutti gli incontri da parte del Comune di Modica?

Cosa non vogliono o non possono dire?

Letto 4310 volte

ACQUA: ATI A RISCHIO COMMISSARIAMENTO MA AL SINDACO ABBATE NON IMPORTA UN TUBO

giù le mani dall'acqua

ACQUA: ATI A RISCHIO COMMISSARIAMENTO

MA AL SINDACO ABBATE NON IMPORTA UN TUBO

Tempo scaduto!

I sindaci dei comuni della Provincia di Ragusa non hanno aggiornato e, tanto meno, adottato il Piano d’Ambito, ovvero il documento principe nella gestione del Servizio Idrico Integrato che opera la ricognizione delle opere e delle infrastrutture esistenti, predispone il programma degli interventi, individua il piano di gestione e di organizzazione, definisce il modello gestionale, fissa la tariffa ed elabora il piano economico finanziario.

Il termine per adottare il piano d’ambito era fissato al 18 novembre, pena il commissariamento; provvedimento che potrà essere messo in atto, a breve, dal neo eletto Presidente Musumeci, a meno di revoca/annullamento o, in subordine, sospensione/proroga dell’atto di indirizzo dell’ex Assessora Dott.ssa Vania Contraffatto, come chiesto dal Forum Siciliano dei Movimenti per l’Acqua ed i Beni Comuni.

I suddetti sindaci dei comuni iblei, a quasi sei mesi dalla richiesta dell’assessorato, a quanto si può apprendere dal verbale dell’ultima seduta assembleare, appaiono in grandissimo ritardo e sembrano essersi smarriti nel dedalo di normative, passaggi di responsabilità ATO-ATI, dotazione organica, nomina del Direttore etc. etc.

Da quanto emerge dal verbale del 7 novembre sembra che i sindaci e gli stessi funzionari si erano già rassegnati al mancato rispetto del termine del 18 e quindi al conseguenziale commissariamento, e se questo avverrà, ovviamente, i primi cittadini se ne dovranno assumere tutte le responsabilità, e non basterà, di certo, il silenzio che hanno mantenuto su tutta la vicenda a distogliere la dovuta attenzione dei cittadini su di loro.

Ma tra i dodici sindaci ve n’è uno in particolare, al quale dell’acqua sembra proprio non fregargliene un tubo: il sindaco di Modica Ignazio Abbate.

Come spiegare altrimenti l’assenza a tutti gli incontri dell’assemblea, fatta eccezione del primo al quale l’assessore delegato, Belluardo, si è pure presentato senza delega.

Ma come si giustificherà il sindaco Abbate se dovesse arrivare il commissariamento dell’ATI?

Ci dirà anche in questo caso che sarà stata colpa di qualcun altro?

Forse delle passate amministrazioni modicane o di quei sindaci iblei che, dietro la spinta dell’opinione pubblica scesa in strada a manifestare, scelsero la forma della gestione pubblica contro gli interessi dei privati che minacciavano ricorsi e penali e nonostante funzionari e politicanti che prospettavano mille calamità e perdita dei finanziamenti?

E come risponderà ai suoi concittadini riguardo la scelta della forma di gestione se gli altri sindaci, in sua assenza, dovessero propendere per la soluzione verso una società mista, pubblico-privato, che di fatto sarebbe pubblica per i costi e privata per i profitti?

Letto 3879 volte

L’ACQUA È COSA NOSTRA! SINDACI, DITECI COSA STATE FACENDO!

acqua pubblica

L’ACQUA È COSA NOSTRA!

SINDACI, DITECI COSA STATE FACENDO!

A distanza di quattro giorni dalla scadenza del 18 novembre, entro la quale le Assemblee Territoriali Idriche (ATI) dovranno adottare i piani d’ambito, pena il commissariamento, nulla è dato sapere circa lo stato dei lavori dell’ATI Ragusa.

Riteniamo questa una grave lesione del diritto di informazione dei cittadini dei 12 comuni del Libero Consorzio Comunale di Ragusa.

Un silenzio che, come dicevamo già il mese scorso, è inquietante e incomprensibile.

Cosa impedisce ai sindaci di metterci al corrente delle loro decisioni?

Azione di informazione che, peraltro, è obbligatoria e non facoltativa e che prevede, come minimo, la pubblicazione delle deliberazioni sul sito dell’ATI, attualmente inserito in una specifica sezione del sito ufficiale del Libero Consorzio Comunale di Ragusa.

I primi cittadini hanno già ottemperato all’obbligo di aggiornare e adottare il piano d’ambito e la mancata pubblicazione è solo un problema di ritardo da parte del funzionario che deve occuparsene, o, invece, nulla di tutto questo è stato fatto e vogliono far passare nel silenzio quella che sarebbe una iattura per il nostro territorio, ovvero il commissariamento che potrebbe arrivare dopo il 18?

Letto 3958 volte

TROPPO SILENZIO SULL’ACQUA IN PROVINCIA DI RAGUSA E IL COMUNE DI MODICA NON C’È

giù le mani dall'acqua

TROPPO SILENZIO SULL’ACQUA IN PROVINCIA DI RAGUSA

E IL COMUNE DI MODICA NON C’È

Un silenzio molto inquietante è calato sul tema della gestione dell’acqua in provincia di Ragusa e neppure l’onnipresente voce dei candidati alle elezioni regionali è servita a portare un po’ di chiarezza sulla vicenda.

Nessuno dice ai cittadini cosa sta accadendo e cosa si prospetta in un prossimo futuro: avremo una gestione pubblica del servizio idrico o arriveranno i privati e, con essi, tariffe altissime, come accaduto ovunque è stata fatta questa scelta?

Proviamo a fare il punto della situazione con quei dati che è possibile trovare sul sito ufficiale del Libero Consorzio Comunale di Ragusa.

I membri dell’Assemblea Territoriale Idrica (ATI), ovvero i sindaci dei dodici comuni del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, ente territoriale che ha sostituito la provincia, si apprestano ad aggiornare il Piano d’Ambito, ovvero il documento che opera la ricognizione delle opere e delle infrastrutture esistenti, predispone il programma degli interventi, individua il piano di gestione e di organizzazione, definisce il modello gestionale, fissa la tariffa ed elabora il piano economico finanziario.

Letto 3423 volte