Crisi Amministrativa a Modica

Crisi amministrativa. Il punto di vista del movimento politico Una Nuova Prospettiva

L’attuale crisi amministrativa del Comune di Modica, scaturita dalle dimissioni dei tre assessori dell’MPA – Garofalo, Scarso e Amoroso – marca ancora una volta le differenze di metodo tra aree della maggioranza che ha deciso 4 anni fa, nonostante le diversità, di lavorare insieme avendo come primo obiettivo la gestione delle gravi problematiche del Comune di Modica dovute a cattiva amministrazione oltre che a problemi strutturali. Il collante di questi anni di governo è stata la consapevolezza di avere alla guida della città una persona responsabile e la necessità di trovare soluzioni efficaci e veloci al fine di tamponare una situazione difficile da gestire e che avrebbe potuto far precipitare la città in un baratro, così come sta avvenendo in altri comuni della provincia. Probabilmente una certa classe politica ha già dimenticato le difficoltà del passato.…

Letto 10492 volte

Progetto Scec €URICINO – Moneta Locale…Economia Possibile

euricinoDomenica 05 aprile 2009, ore 10,30 – Erice – Hotel Baia dei Mulini.

La crisi economica, che è globale ed ha perciò colpito anche il territorio della nostra provincia, incita un gruppo (13 soci fondatori) di volontari cittadini, professionisti, commercianti e artigiani a costituire, con sede a Erice, un’Associazione culturale e sociale denomina “Isola Scec l’€URICINO” e ricorrere a delle soluzioni di tutela nei confronti delle attività produttive e delle famiglie di consumatori alternative alle inefficienti prese di posizioni della politica locale in merito a tale materia.

Letto 11622 volte

La grave situazione finanziaria al Comune di Modica: tempo di verità e di responsabilità

Un articolo di Maurilio Assenza pubblicato sul numero di marzo del periodico Dialogo
Tutti ormai abbiamo preso atto della grave situazione finanziaria al Comune di Modica.
Non è un dato da poco, è un primo elemento di verità rispetto al passato.
Sappiamo che ogni anno, a fronte di 37 milioni di euro di entrate, ci sono più di 50 milioni di euro di uscite, buona parte delle quali sono assorbite da spese per il personale, negli anni cresciuto a dismisura.
A questo si aggiunge il debito pregresso per il quale è prevista la copertura con la vendita del patrimonio immobiliare, ma ci sono altri 20 milioni di debiti fuori bilancio che, se riconosciuti tutti immediatamente, metterebbero il Comune ipso iure in dissesto, con le gravi conseguenze che ne deriverebbero in termini di tassazione e mobilità dei lavoratori. …

Letto 18622 volte

Documento di sintesi sulla crisi finanziaria del comune di Modica

Antonello Buscema
Antonello Buscema

L’amministrazione comunale di Modica ha reso noto un documento di sintesi contenente le linee guida per il superamento dell’attuale gravissima crisi finanziaria del comune.

Di seguito il testo integrale presentato ai sindacati e ai parlamentari regionali e nazionali

“L’Amministrazione Comunale sottopone alla attenzione delle forze sociali, politiche e sindacali le seguenti considerazioni e uno schema operativo finalizzato alla verifica delle condizioni preliminari per un patto di salvaguardia del Comune da condizioni di instabilità finanziaria che possono produrre esiti di dissesto, da tutti considerato come uno scenario da scongiurare, ma che rimane una concreta, incombente minaccia nell’ipotesi in cui non siano varate misure di netta inversione di tendenza rispetto alla situazione strutturalmente deficitaria ereditata.

L’Amministrazione Comunale è determinata a portare a conclusione entro pochi giorni la definizione del bilancio di previsione 2009.…

Letto 20538 volte

Crisi finanziaria al comune di Modica: dichiarazioni di Vito D’Antona

Vito D'Antona Le ripetute dichiarazioni del Sindaco di Modica, al Consiglio Comunale, alle parti sociali e alla stampa, in ordine alla drammatica crisi finanziaria del Comune di Modica a rischio di dissesto finanziario devono allarmare e preoccupare.
La fase di ricognizione della effettiva situazione finanziaria avviata in questi mesi dall’Amministrazione Comunale ci sta consegnando dei dati assolutamente inoppugnabili: ventuno milioni di disavanzo finanziario del bilancio 2007, dieci milioni di debiti fuori bilancio, riconosciuti e in corso di riconoscimento, una anticipazione di cassa di circa undici milioni, una anticipazione della Regione di cinque milioni e un debito residuo dovuto a mutui presso la Cassa Depositi e Prestiti per circa trenta milioni. …

Letto 14779 volte

Situazione finanziaria: sintesi dichiarazioni Sindaco Buscema

Riportiamo di seguito alcuni concetti espressi ieri in consiglio dal Sindaco Antonello Buscema e da alcuni consiglieri.

Nel consiglio comunale di giorno 09 – 02 – 2009 il Sindaco, Antonello Buscema, ha chiesto di saltare alcuni punti all’ODG per poter fare delle dichiarazioni URGENTI riguardo la situazione finanziaria, a distanza di circa 7 mesi dal suo insediamento.

Antonello Buscema
Antonello Buscema

Il sindaco ha ricordato a tutti i consiglieri che il disavanzo accertato dal consiglio è di oltre 20 MLN di euro. Un disavanzo del genere dimostra quindi che la crisi finanziaria è vera ed è grave.
Al fine di coprire il disavanzo si è deciso di mettere in vendita parte del patrimonio dell’ente che se valorizzato riuscirà a coprire questo disavanzo. Il consiglio riceverà comunicazione rispetto al patrimonio messo in vendita.
Al momento quindi il disavanzo di oltre 20MLN di euro causa grave penuria di cassa che non permette quindi di pagare fornitori, dipendenti, ecc.
Al dato sul disavanzo vanno aggiunti anche i debiti fuori bilancio (per citarne alcuni:  scarico presso discarica di Scicli, ATO, ecc.) che si prevede arriveranno a non meno di 15MLN.…

Letto 12953 volte

Situazione finanziaria. Dichiarazione di Vito D’Antona

Dichiarazione del Consigliere Comunale del Movimento Sinistra Democratica, Vito D’Antona.

La recente richiesta di dimissioni avanzata dal Gruppo consiliare del PdL nei confronti dell’Amministrazione Comunale rappresenta l’ultima “improvvisata” politica con la quale il Centrodestra modicano sta tentando senza successo di nascondere le sue responsabilità per la drammatica crisi finanziaria del Comune, le cui conseguenze si stanno drammaticamente riversando su centinaia di lavoratori, sulle loro famiglie e sulla città intera.
Di fronte alla vertenza dei dipendenti comunali, alla scelta sindacale di occupare permanentemente l’aula consiliare in attesa di ottenere una parte delle spettanze maturate da oltre quattro mesi, l’unico modo dignitoso di chi ha governato fino a sei mesi fa e per sei anni la città, sarebbe quello di limitarsi ad esprimere solidarietà e di adoperarsi con la necessaria discrezione per ottenere rapidamente, intanto, quanto spetta in via ordinaria al Comune di Modica, cioè i trasferimenti dello Stato e della Regione, i cui governi sono ambedue espressione del Centrodestra. …

Letto 11126 volte