SIAMO TUTTI NINO CERRUTO, DENUNCIATE ANCHE NOI!

COMUNICATO STAMPA del Comitato di Modica per il Sì ai Referendum

SIAMO TUTTI NINO CERRUTO, DENUNCIATE ANCHE NOI!

Di fronte al silenzio che era calato sui temi referendari e ai continui tentativi del governo di pregiudicarne lo svolgimento, il Comitato di Modica per il Sì ai referendum si era dato appuntamento, domenica 5 giugno, presso la via principale della città, per provare a realizzare, con la metodica del flash mob, alcune riprese filmate e fotografiche utili a rendere più efficace la divulgazione delle motivazioni del sì ai referendum. Il risultato è andato al di sopra di qualsiasi aspettativa, in quanto agli intervenuti si sono aggiunte tantissime persone, tra cui moltissimi giovani, in gita con le rispettive classi e relativi insegnanti, che si trovavano a transitare nella zona e che hanno consentito di creare una improvvisata ed inaspettata messinscena che ha entusiasmato i partecipanti ed ha riscosso il plauso e il consenso da parte dei passanti-spettatori. Dalle immagini riprese da un videomaker, spontaneamente intervenuto a questa imprevedibile aggregazione di persone, unite evidentemente da un comune sentire verso i temi referendari, è stato tratto un video che ha suscitato l’interesse di testate locali e nazionali, del mondo dei social network e di ogni sorta di contenitori di informazioni, ricevendo l’attenzione di migliaia e migliaia di utenti e lettori. Era stato raggiunto, quindi, l’obiettivo. Peccato, però, che a margine di questa iniziativa, abbia fatto seguito una sconcertante notizia, ovvero la notifica di una denuncia da parte del Commissariato di P.S. di Modica nei confronti di uno dei partecipanti all’iniziativa, il Sig. Nino Cerruto, per aver “organizzato un corteo a sfondo politico con volantinaggio senza darne il prescritto preavviso al Questore di Ragusa, nonché per aver sfilato in corteo non autorizzato, indossando una tuta bianca con cappuccio e mascherina, rendendone difficoltoso il riconoscimento”. Pur non volendo entrare nel merito della denuncia, non possiamo non esprimere profonda amarezza ed indignazione per una scelta che sembra voler indicare, quali soggetti che commettono reati e nei confronti dei quali è necessario il giudizio di un tribunale, dei cittadini che pacificamente e in totale trasparenza di azione hanno inteso esprimere il proprio pensiero – peraltro durante una campagna referendaria. Intendendo, tuttavia, rispettare la scelta degli organi di Polizia, siamo obbligati ad autodenunciarci quali complici del sig. Nino Cerruto e coautori di tali ipotetici reati.

Il comitato di Modica per il Sì ai referendum

Letto 41508 volte

Intervento di Don Ciotti alla Giornata della Memoria – “..dobbiamo noi essere credibili innanzitutto!”

ciottiNapoli, 21.03.2009  di Luigi Ciotti “In cammino 365 giorni all’anno”

L’appello di Luigi Ciotti sul palco a Napoli. Ai camorristi: Convertitevi, siete condannati a vita. Alle istituzioni: nessuno usi la legalità per calpestarla
Voi l’avete capito che questo non è un evento, non è una manifestazione, non è un corteo qualsiasi. Questo è stato ed è un camminare insieme, per impegnarci di più tutti; tutti per costruire legalità diritti pace, verità e giustizia nel nostro paese. E avete sentito che ad aprire questo camminare insieme centinaia, centinaia di familiari delle vittime della violenza criminale delle mafie. Ma vogliamo anche ricordare qui tutte le vittime del dovere e le vittime del terrorismo non ci sono morti di seria “A”, di serie “B”, di serie “C”.  Sono tutti morti per la democrazia per la giustizia, per il bene del nostro paese e noi vogliamo ricordarli tutti, sempre e sempre di più. E allora non è un evento perché  le persone che sono venute qui, sentono prepotente dentro di loro che ci si deve impegnare 365 giorni all’anno.…

Letto 24151 volte

1.000 euro per sporcare una provincia per un anno

affissioni-elettorali-abusive-mm«Come si fa a dire ai ragazzi che non si sporca la città, che non si possono buttare volantini pubblicitari per la strada, quando i partiti dopo aver devastato le città, con ogni forma di pubblicità elettorale abusiva, si fanno il miglior regalo possibile, azzerando ogni infrazione e ogni multa dovuta»?

Se lo chiede il sindaco di Vittoria, Giuseppe Nicosia, dopo che, attraverso la sanatoria disposta dall’art. 42-bis del decreto “milleproroghe” su cui il governo Berlusconi ha posto la fiducia, con mille euro per ogni provincia, i partiti possono sanare definitivamente tutte le infrazioni commesse in materia di pubbliche affissioni e imposte sulla pubblicità in un anno. …

Letto 8990 volte

Modica, scandalo pubblica illuminazione: il Quotidiano di Sicilia pubblica un’inchiesta. Le foto dello sperpero dei soldi dei Modicani.

A seguito della nostra denuncia sulla scelta di dirottare i fondi, inizialmente destinati alla trivellazione di pozzi per dare l’acqua al quartiere Sorda, verso i lavori per illuminare le campagne e sui criteri poco chiari di posizionamento dei pali della luce, il Quotidiano di Sicilia pubblica una inchiesta su quello che possiamo definire lo scandalo della pubblica illuminazione a Modica.…

Letto 21082 volte

Propaganda abusiva: sono stati chiesti i danni ai committenti?

Al Commissario Straordinario
Dott. G. Bologna
Al Dirigente del II° Settore
Al Comandante dei VV.UU.
E pc. Al Presidente del Consiglio Comunale
Agli organi di informazione

Oggetto: recupero spese per la rimozione della propaganda abusiva.

Il sottoscritto Cerruto Antonino in qualità di Consigliere Comunale, per l’esercizio delle funzioni connesse alla carica rivestita, in merito all’ultima campagna elettorale per elezioni nazionali e regionali chiede di conoscere:

1. Le spese che il Comune ha sostenuto per la rimozione dei manifesti abusivi e per il ripristino della segnaletica stradale danneggiata;
2. Se sono stati individuati i committenti dei manifesti e se sono state avviate nei confronti dei medesimi le procedure atte al recupero delle spese sostenute, così come previsto dal comma 3° dell’art. 15 della Legge 515/93;
3. Se è stata inoltrata specifica denuncia alla Procura della Repubblica per i danni arrecati dai manifesti abusivi alla segnaletica stradale e che hanno messo a repentaglio la sicurezza degli automobilisti;
4. Il numero delle multe sollevate per la propaganda abusiva.

Modica, 02/05/2008

Nino Cerruto

Consigliere Comunale
Una nuova prospettiva

Letto 12209 volte

Manufesti abusivi: Nino Cerruto scrive al Comune a al Prefetto

Il consigliere comunale di Una Nuova Prospettiva, Nino Cerruto, chiede nuovamente al comune di conoscere i costi affrontati per la copertura dei manifesti abusivi.

Segnala altresì al prefetto l’insostenibile situazione che viene puntualmente a crearsi in occasione delle tornate elettorali.

E’ risaputo, infatti, che squadre di attacchini senza scrupoli operino in piena notte affiggendo in ogni dove ed il giorno successivo i vigili urbani provvedono a far coprire i manifesti con impiego non indifferente di tempo e risorse.

Di seguito i testi delle missive inviate da Nino Cerruto al Comune e al Prefetto.…

Letto 11466 volte