Copriamo la vergogna, scopriamo le responsabilità

Rifiuti accumulati in piazza Mazzini a Modica Striscione di Una Nuova Prospettiva che ricopre i rifiuti di piazza MazziniCOMUNICATO STAMPA

COPRIAMO LA VERGOGNA, SCOPRIAMO LE RESPONSABILITA’.

A Modica le emergenze diventano sempre più numerose: emergenza morale, democratica, finanziaria, urbanistica, criminale ed ora anche quella sanitaria.

Non si contano più i cumuli di rifiuti sparsi in tutto il territorio comunale urbano e rurale, che ci fanno tornare alla mente i fatti della Campania che ci sembravano così lontani, che mettono a serio rischio la salute umana oltre al danno apportato all’immagine della città gravemente compromessa. I turisti presenti a Modica potranno portare tra i loro ricordi anche le suggestive foto dei cassonetti dell’immondizia stracolmi e delle proteste dei lavoratori comunali e dell’indotto.…

Letto 22251 volte

I netturbini occupano per protesta l’aula consiliare di palazzo San Domenico

Giorno 6 Maggio c.m. i netturbini ingaggiati dalla ditta Busso danno inizio ad una nuova fase della protesta. Il mancato pagamento dei mesi lavorativi di Marzo ed Aprile 2008 ha spinto i dipendenti ad occupare l’aula consiliare del Palazzo S. Domenico di Modica.

La protesta, messa in atto dal 90% del totale dei dipendenti, ha innanzitutto lo scopo di mettere in evidenza il grave crollo finanziario che ha colpito il Comune di Modica e di cui i dipendenti stessi stanno facendo le spese. Gravi sono i disagi a cui essi stanno andando incontro cercando di fronteggiare la carenza di denaro necessario alla ordinaria conduzione familiare.

Secondo, ma non meno importante, scopo della protesta è quello di sensibilizzare la popolazione al fine di renderla sia partecipe del disagio, sia cosciente della gravità della situazione. Una situazione questa che inevitabilmente si ripercuote sull’intera città seppure momentaneamente ne soffrono solo alcuni settori.

Il grande senso di responsabilità degli operai ha finora garantito a tutti i modicani una città pulita. Adesso è il momento di far sentire loro tutta la solidarietà e la vicinanza che meritano. Strane se non paradossali sembrano, tuttavia, le manifestazioni di solidarietà di quanti hanno contribuito con il loro voto in aula o, peggio, in giunta, a generare il disastro finanziario del Comune di Modica.

Letto 15781 volte

Commenti sui rifiuti

Riprotiamo qui il commento (ben fatto) scritto dall’utente “Ultimo dei modicani” su un articolo di radioRTM. Il commento è stato inserito su questa notizia: http://www.radiortm.it/Notizia.asp?Id=8364

“Siamo alle solite. Quando c’è da individuare responsabilità si comincia a lanciare fumo e a fare confusione. Tutto parte nel 2000, gli Ato che non funzionano, la Regione e bla bla bla.
Ma se il giorno del suo insediamento l’amministrazione Torchi ha trovato una percentuale del 6,7% (ovvero su 100kg di spazzatura quasi 7 venivano riciclati e 93 finivano buttati in discarica) e a distanza di quasi sei anni la percentuale è pressochè ferma, se non diminuita (6,17% ad ottobre 2007 – dati forniti dall’ufficio comunale), è lampante che su questo fronte non è stato fatto niente. Non si può non ammetterlo e non può certo bastare l’inutile tentativo di difesa dell’assessore di turno, il quale, peraltro, parla di dati senza citare la fonte, e se questa è l’ufficio del comune, vuol dire che girano due versioni di dati ufficiali, e questo qualcuno dovrebbe spiegarlo.

Letto 8841 volte

Nuova richiesta dati raccolta differenziata. (“Obiettivo fissato, Ecotassa, Penalità, Importo Ecotassa, Importo Penalità”)

Il consigliere capogruppo della lista Una Nuova Prospettiva reitera la richiesta dei dati sulla raccolta differenziata nel comune di Modica dato che la precedente risultava incompleta. In particolare i dati forniti dalla D.ssa Nero erano manchevoli degli obiettivi prefissati dal comune e degli importi attualmente pagati a titolo di ecotassa e penale dovute per il mancato raggiungimento degli obiettivi minimi fissati dalla legge. Segue testo integrale della richiesta.…

Letto 15809 volte

RIFIUTI: ANNO NUOVO STESSA EMERGENZA.

viafilarota.jpg

Ad un mese di distanza dal Consiglio Comunale dedicato al tema dei rifiuti e della discarica e a poco più di due mesi dalla scadenza della chiusura della discarica di S. Biagio a Scicli, sembra essere calato il silenzio sul problema.

Niente è stato fatto dal Sindaco Torchi e dall’Assessore Gerratana per ridurre il peso dei rifiuti in discarica, niente è stato proposto in termini progettuali per tentare di uscire dall’emergenza che la città sta vivendo e della quale a breve si potrebbero evidenziare gli aspetti più drammatici e che porterebbero in pochi giorni a scenari “campani”.

Letto 12320 volte