Una Nuova Prospettiva: solidarietà all’assessore Antonio Calabrese

Esprimiamo la nostra piena solidarietà all’assessore Antonio Calabrese vittima di un gesto vile ed ignobile che rimanda a storie e culture che non hanno mai avuto cittadinanza a Modica.

Condanniamo con forza questo gesto che, evidentemente, ha trovato terreno fertile in un humus di prepotenza e violenza e che, a prescindere, dalle motivazioni che lo hanno generato, rimanda ad atteggiamenti che sono propri di chi ignora il confronto civile e democratico e ritiene che la forza e la sopraffazione governino le società.

Tutto ciò non può non preoccupare tutti noi, ciascuno per il proprio ruolo, e ci obbliga a lavorare affinchè un clima di legalità e rispetto delle regole ritorni a caratterizzare ogni aspetto della vita sociale della nostra città.

La cultura del rispetto delle regole è stata per troppo tempo bistrattata e svuotata del proprio significato, modellata ad uso e consumo di interessi politici ed economici di pochi.

E’ ora di tornare al primato dell’interesse generale, dove il diritto del singolo non confligge con il bene comune ma, anzi, ne diviene complemento necessario ed indispensabile.

Auspichiamo, pertanto, che questo segnale d’allarme si tramuti in occasione per sentirci tutti uniti attorno alla difesa e alla cura di valori e principi che nessuna forma intimidatoria e violenta, più o meno organizzata, potrà mai pensare di scalfire e calpestare.

Una Nuova Prospettiva – Movimento politico della città di Modica.

Letto 13723 volte

La mozzarella della legalità

mozzContro le mafie. Per la legalità e lo sviluppo. Il 19 marzo a Casal di Principe sarà dato il via al progetto La mozzarella della legalità, una “iniziativa esemplare” sostenuta dalla Fondazione per il Sud e realizzata da Libera, per l’utilizzo sociale e produttivo di terreni, masserie e allevamenti bufalini confiscati alla camorra.

Nelle terre di don Peppe Diana, il parroco assassinato dalla Camorra quindici anni fa, sui beni confiscati al clan dei Casalesi, sorgerà un’impresa sociale per la produzione della “mozzarella più buona del mondo”, per il suo inconfondibile gusto ma soprattutto per il suo sapore di libertà e giustizia.

Letto 12006 volte

Intervento di Don Ciotti alla Giornata della Memoria – “..dobbiamo noi essere credibili innanzitutto!”

ciottiNapoli, 21.03.2009  di Luigi Ciotti “In cammino 365 giorni all’anno”

L’appello di Luigi Ciotti sul palco a Napoli. Ai camorristi: Convertitevi, siete condannati a vita. Alle istituzioni: nessuno usi la legalità per calpestarla
Voi l’avete capito che questo non è un evento, non è una manifestazione, non è un corteo qualsiasi. Questo è stato ed è un camminare insieme, per impegnarci di più tutti; tutti per costruire legalità diritti pace, verità e giustizia nel nostro paese. E avete sentito che ad aprire questo camminare insieme centinaia, centinaia di familiari delle vittime della violenza criminale delle mafie. Ma vogliamo anche ricordare qui tutte le vittime del dovere e le vittime del terrorismo non ci sono morti di seria “A”, di serie “B”, di serie “C”.  Sono tutti morti per la democrazia per la giustizia, per il bene del nostro paese e noi vogliamo ricordarli tutti, sempre e sempre di più. E allora non è un evento perché  le persone che sono venute qui, sentono prepotente dentro di loro che ci si deve impegnare 365 giorni all’anno.…

Letto 29779 volte

Modica ospiterà il sindaco di Gela Rosario Crocetta

Rosario Crocetta Sindaco di Gela
Rosario Crocetta Sindaco di Gela

Giovedì 20 novembre alle ore 12 presso l’Aula Consiliare del Comune di Modica, promosso da “Libera” – coordinamento di associazioni contro la mafia – d’intesa con l’Amministrazione Comunale di Modica si terrà un incontro con il Sindaco di Gela Rosario Crocetta in preparazione all’arrivo in provincia della Carovana antimafia.
Vorrà essere l’occasione per promuovere un comune impegno per l’educazione alla legalità e per la crescita di un sano tessuto sociale che sia il primo antidoto contro ogni forma di criminalità e corruzione.

Letto 14068 volte

Dov’è la Luce di Moro?

Riceviamo e pubblichiamo una riflessione di una nostra lettrice.

Meditazioni e riflessi dalla storia

E’ vero che la storia insegna a guardare il passato con critica ammirazione, ci mostra che l’amore per la verità, la pace e la giustizia può costare la vita di uomini che hanno creduto fermamente, hanno voluto lottare per affermare i loro ideali, per inseguire sogni concreti e plasmare un mondo più trasparente dove regni la conciliazione e la fratellanza.

Se dopo trent’anni dall’omicidio Moro i giovani, oggi, potessero rabbrividire anche solo per un istante, ascoltando le parole in quelle lettere scritte dalla prigione del popolo durante 55 giorni di implacabile attesa, tutto non sarebbe stato vano.

Letto 16691 volte

Appuntamenti su legalità, giustizia, pace in Sicilia e nel mondo

Due appuntamenti, con preghiera di diffondere l’invito:
– Domenica 4 maggio alle ore 19,30 alla Domus S. Petri sarà proiettato il film “I cento passi” per ricordare i trent’anni dalla morte di Peppino Impastato e la sua testimonianza umana e civile
– Venerdì 9 maggio avremo con noi don Tonio Dell’Olio, di Pax Christi e di Libera International:
alle 19 celebrerà l’eucaristia (con omelia) al santuario della Madonna delle Grazie, alle 20 nel salone attiguo al santuario ci aiuterà a leggere la storia dei nostri giorni (anche in riferimento al gemellaggio con Butembo-Beni) alla luce del Magnificat.

La Caritas cittadina di Modica

Letto 15349 volte