LIBERA RG: Se la mafia non esiste a Ragusa

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE, coordinamento di Ragusa.

COMUNICATO:

Non possono lasciare indifferenti le parole dell’on. Lillo Speziale, Presidente Commissione Antimafia dell’Ars,  in merito al livello di illegalità presente in provincia di Ragusa. Come è stato ribadito da analisi più approfondite, negli anni nei territori iblei non si è radicata la mafia che spara. A dispetto di tale particolarità storica, la provincia ha espresso tuttavia livelli di illegalità e incrostazioni mafiose non indifferenti.

E’ vero che la mafia tradizionale non ha “attecchito” in tale area così come altrove, ma essa è ben presente sotto forme mimetiche: riciclaggio, usura, ma anche racket, come recentemente si è ricordato in un convegno in memoria di Giovanni Spampinato, “giornalista ucciso a Ragusa perché scriveva troppo” su fatti illeciti frutto di intrecci fra trame nere e crimine organizzato.

Come “Libera Associazioni Nomi e Numeri contro le mafie”, coordinamento di Ragusa, siamo vicini alle persone che, pure alle nostre latitudini, vengono quotidianamente vessate nella loro attività di impresa dall’economia criminale.…

Letto 27011 volte

Presentazione Libro: il gotha di cosa nostra. LA MAFIA DEL DOPO PROVENZANO NELLO SCACCHIERE INTERNAZIONALE DEL CRIMINE

EVENTI ATTINKITè
PRESENTAZIONE DEL LIBRO

LA MAFIA DEL DOPO PROVENZANO NELLO SCACCHIERE INTERNAZIONALE DEL CRIMINE
A cura di Piergiorgio Morosini, giudice delle indagini preliminari pres so i l tribunale di Palermo e della Dott.ssa Lucia Lotti, Procuratore di Gela.
GIOVEDÌ 26 NOVEMBRE – 18.30
PALAZZO DELLA CULTURA – MODICA

ASSOCIAZIONE CULTURALE ATTINKITè
associazioneattinkite@gmail.com

locandina

Letto 22164 volte

Intitolare una strada a Peppino Impastato.

Al Sindaco del Comune di Modica

E pc agli organi di informazione

Oggetto: richiesta intitolazione di una strada cittadina a Peppino Impastato.

Gentile sig. Sindaco,

9maggio_home2come ormai molti sanno, il 9 maggio del 1978 rappresenta una data di svolta della storia politica italiana non solo perché si tratta del giorno dell’omicidio di Aldo Moro, ma anche di quello della morte di Peppino Impastato.

La figura di Impastato riveste infatti un grande valore simbolico per l’Italia e in particolare per la nostra terra. Questo giovane militante della sinistra muore infatti per una serie di motivi che non possono ancor oggi non destare la nostra attenzione e la nostra coscienza civile.…

Letto 17624 volte

DIREZIONE NAZIONALE ANTIMAFIA: IL MERCATO DI VITTORIA COME QUELLO DI FONDI ?

cannellaDIREZIONE NAZIONALE ANTIMAFIA: IL MERCATO DI VITTORIA COME QUELLO DI FONDI ?
Chiediamo di riavviare subito il progetto di trasformazione del Mercato Ortofrutticolo di Vittoria
“..secondo un modello ricorrente a Vittoria (Ragusa) e Fondi (Latina) i punti piu’ sensibili per le infiltrazioni malavitose sono costituiti: a) dai servizi di trasporto su gomma dell’ortofrutta da e per i Mercati; dalle imprese dell’indotto (estorsioni indirette quali ad esempio l’imposizione di cassette per imballaggio); c) dalla falsificazione delle tracce di provenienza dell’ortofrutta (come la falsificazione di etichettature e cosi’ prodotti del Nordafrica vengono spacciati per comunitari);e) dal livello anomalo di lievitazione dei prezzi per effetto di intermediazioni svolte dai commissionari mediante forme miste di produzione,stoccaggio e commercializzazione..” (Direzione Nazionale Antimafia, relazione annuale Dicembre 2008)

“..nel novembre del 2007 gli uomini della DDA di Catania filmarono per una settimana i movimenti attorno al Mercato Ortofrutticolo di Vittoria, scoprendo l’esistenza di un vero e proprio tariffario..per ogni camion che partiva verso Nord gli emissari dei clan intascano 300 euro..pagavano la diaria mafiosa anche i cottimisti impegnati nello scarico delle cassette..” (tratto dall’articolo “Mafia e Agroalimentare” pubblicato su Economy, inserto di Panorama,  7 maggio 2008)

Letto 14778 volte

Intervento di Don Ciotti alla Giornata della Memoria – “..dobbiamo noi essere credibili innanzitutto!”

ciottiNapoli, 21.03.2009  di Luigi Ciotti “In cammino 365 giorni all’anno”

L’appello di Luigi Ciotti sul palco a Napoli. Ai camorristi: Convertitevi, siete condannati a vita. Alle istituzioni: nessuno usi la legalità per calpestarla
Voi l’avete capito che questo non è un evento, non è una manifestazione, non è un corteo qualsiasi. Questo è stato ed è un camminare insieme, per impegnarci di più tutti; tutti per costruire legalità diritti pace, verità e giustizia nel nostro paese. E avete sentito che ad aprire questo camminare insieme centinaia, centinaia di familiari delle vittime della violenza criminale delle mafie. Ma vogliamo anche ricordare qui tutte le vittime del dovere e le vittime del terrorismo non ci sono morti di seria “A”, di serie “B”, di serie “C”.  Sono tutti morti per la democrazia per la giustizia, per il bene del nostro paese e noi vogliamo ricordarli tutti, sempre e sempre di più. E allora non è un evento perché  le persone che sono venute qui, sentono prepotente dentro di loro che ci si deve impegnare 365 giorni all’anno.…

Letto 30402 volte

9 maggio 1978 – Niente fu più come prima

invito-9-maggio-1978“9 MAGGIO 1978 – NIENTE FU PIU’ COME PRIMA”
PRIMA DELLO SPETTACOLO L’INCONTRO CON GIOVANNI IMPASTATO

In occasione dello spettacolo “9 Maggio 1978 – Niente fu più come prima – Ballata per voci ed immagini a trent’anni dagli omicidi di Peppino Impastato e Aldo Moro”, che andrà in scena il 18 e il 19 Marzo nell’ambito della Stagione 2009 del Teatro Garibaldi di Modica, l’Amministrazione Comunale e la Direzione Artistica del Teatro Garibaldi hanno voluto ancora una volta organizzare una conversazione pomeridiana per approfondire insieme al pubblico la tematica dello spettacolo.
La Conversazione, a cui è stato dato il titolo “La notte buia dello Stato italiano”, si terrà giovedì 19 marzo 2009 alle ore 18.00 nella platea del Teatro Garibaldi.
Interverranno:
Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato
Carlo Ruta, storico e giornalista
Alfio Scuderi, regista di “9 Maggio 1978”
Paolo Briguglia e Andrea Tidona, attori (interpreti di Giovanni Impastato e Stefano Venuti nel film “I cento Passi” di Marco Tullio Giordana). …

Letto 19599 volte

Nasce “Il Clandestino”. Mafia e informazione nel cono d’ombra.

Nasce il mensile d’informazione
Il Clandestino
in occasione della sua presentazione, in collaborazione con
Libera – Associazione nomi e numeri contro le mafie –liber

Il Clandestino

presenta
Mafia e informazione nel cono d’ombra
– Uno sguardo nel sud est siciliano –

Interverranno:
Rosario Crocetta, sindaco di Gela
Carlo Ruta, storico e giornalista
Pippo Gurrieri, dir. Responsabile de “Il Clandestino”
Angelo Di Natale, giornalista Rai Sicilia
Gianluca Floridia, Libera

Venerdì 27 Febbraio ore 18:30
Palazzo della Cultura – MODICA –

Letto 21069 volte