Vendicari ricorda – L’europa fa morire

Newsletter Associazione “Il Clandestino”

1° Novembre 2009: Vendicari ricorda – 2° Anniversario della strage

Domenica 1° Novembre 2009 ore 21 presso il teatro Garibaldi di Modica:

Lettura scenica: L’europa fa morire

1° Novembre 2009: Vendicari ricorda – 2° Anniversario della strage

leuropafamorireLa notte del 28 Ottobre 2007 annegarono 17 egiziani lungo le coste siracusane vicino a Vendicari. Per non dimenticare le migliaia di vittime del Mediterraneo vi invitiamo a partecipare al 2° Anniversario del naufragio.…

Letto 17050 volte

A un anno dal naufragio, Vendicari ricorda

L’osservatorio sulle vittime dell’immigrazione
FORTRESS EUROPE
http://fortresseurope.blogspot.com

presenta
A un anno dal naufragio, Vendicari ricorda

SIRACUSA – Era la notte del 28 ottobre 2007. Un naufragio nelle acque siracusane causò la morte di 17 migranti. Egiziani e palestinesi. I loro corpi vennero ritrovati nei giorni successivi sulle spiagge tra Marzamemi e contrada San Lorenzo. A un anno di distanza, e assieme ai familiari delle vittime, Vendicari ricorda la tragedia. Per non dimenticare queste e le decine di migliaia di altre vittime dell’immigrazione in un Mediterraneo che è diventato una grande fossa comune.…

Letto 11487 volte

1° Anniversario della strage – Vendicari ricorda – commemorazione 1° Novembre

Un anno fa, il 28 Ottobre 2007, la spiaggia di Vendicari è stata teatro dell’ennesima strage del mare, che si somma a tutte quelle che da anni si compiono nelle frontiere europee. Il rovescio di una piccola imbarcazione provocava la morte di 17 egiziani e palestinesi, partiti dall’Egitto.

La trasformazione dell’Europa in fortezza sta provocando crimini e tragedie che si compiono al tempo presente. Le stragi di migranti e rifugiati lungo le frontiere europee continuano imperterrite, accompagnate dal cinismo e dall’indifferenza dell’Europa e dei paesi del Mediterraneo. Centinaia di Milioni di euro vengono spesi per finanziare centri di detenzione all’interno e fuori dall’Unione Europea e per sostenere accordi con regimi di paesi a cui viene affidato il controllo delle frontiere.

Letto 9842 volte